La banda dei furti del Palermitano, 4 arresti e 5 indagati (VIDEO)

L'inchiesta è stata coordinata dalla Procura di Palermo

Una banda metteva a segno furti di valore nel Palermitano. Oggi i carabinieri della compagnia di Carini hanno fermato i presunti responsabili. I militari hanno dato esecuzione ad un’ordinanza cautelare, emessa gip del tribunale di Palermo, nei confronti di 9 indagati, accusati di estorsione, furto aggravato, riciclaggio e favoreggiamento.

In 4 vanno in carcere, 2 all’obbligo di presentazione alla pg e 3 all’obbligo di dimora, con prescrizione della permanenza in abitazione in arco orario notturno.

I Carabinieri hanno indagato tra dicembre del 2020 e luglio del 2021. L’inchiesta è stata coordinata dalla Procura ed è scattata dopo un furto in una casa nel centro storico di Carini. I ladri a dicembre del 2020 hanno portato via da una cassaforte a muro, 100.000 euro in contanti e vari monili, tra i quali vari orologi di pregio, dal valore di 60.000 euro.

I militari hanno contestato ad alcuni indagati altri furti eseguiti tra i comuni di Carini e Montelepre ma anche a Palermo.

Gli indagati avrebbero consumato anche condotte estorsive e minacce ad alcuni familiari che avevano informazioni utili per recuperare la refurtiva. Alcuni degli indagati sono anche accusati di avrebbe progettato alcune rapine con l’utilizzo di armi su obiettivi che avrebbero consentito di mettere a segno colpi molto remunerativi consistente valore economico.

I Carabinieri hanno inoltre ricostruito l’utilizzo del denaro illecitamente asportato e il riciclaggio, attraverso un locale compro oro, dei monili asportati in occasione dei furti, nonché la custodia di parte del denaro contante a opera di familiari. Emersa anche la progettazione di future rapine da parte di alcuni indagati, con l’utilizzo di armi, su obiettivi di consistente valore economico.

Continua a leggere le notizie di DirettaSicilia, segui la nostra pagina Facebook e iscriviti al nostro canale