Raccolti oltre 120 mila mozziconi sulla spiaggia di Mondello

Dal 30 luglio al 31 agosto, grazie alla partecipazione dei cittadini

Un numero enorme di cicche raccolte in un solo mese sulla spiaggia di Mondello, a Palermo. Dal 30 luglio al 31 agosto, grazie alla partecipazione dei cittadini sono stati raccolti oltre 120 mila mozziconi nei sei stabilimenti balneari, sul lungomare di Mondello, che hanno aderito a #CambiaGesto, la campagna di sensibilizzazione con l’obiettivo di sensibilizzare i fumatori sul corretto smaltimento dei mozziconi di sigaretta.

Grazie alla campagna sono stati distribuiti oltre 8 mila posacenere tascabili in materiale riciclabile.

Il maialino mangia cicche è stato ideato dall’agenzia creativa H+, il «concept» della campagna ha fatto leva sul senso di responsabilità individuale incoraggiando l’adozione di comportamenti virtuosi, etici e sostenibili per l’ambiente, coinvolgendo il pubblico attraverso una serie di installazioni in tutto il lungomare di Mondello, oltre alla distribuzione di posacenere tascabili e grandi raccoglitori per gettare i mozziconi raccolti.

Il progetto è stato sviluppato con il patrocinio del Comune di Palermo, e promosso da Philip Morris Italia in partnership con E.R.I.C.A., società cooperativa leader nella comunicazione e progettazione ambientale in Italia, e con Push, laboratorio nato a Palermo per l’innovazione sociale e la sostenibilità in ambito urbano.

Durante la campagna #CambiaGesto ai fumatori presenti negli stabilimenti è stato somministrato un questionario sulla percezione della campagna e sui comportamenti messi in atto con i mozziconi. Dagli oltre 500 questionari è emerso che: l’82 per cento degli intervistati ha giudicato la campagna utile e oltre il 90% ha ricevuto e utilizzato il porta mozziconi.

Dopo l’esperimento di Palermo, la campagna ha già iniziato ad estendersi ad alcuni dei principali capoluoghi della penisola. «Credo che l’elemento più significativo della campagna sia il ruolo determinante di tutti i cittadini per raggiungere questo grande risultato – spiega Gianluca Bellavista, direttore relazioni esterne di Philip Morris Italia -. Il test di Palermo dimostra che la sensibilizzazione del consumatore è la via giusta per arginare la dispersione dei mozziconi di sigaretta, puntando a un cambiamento radicale che è il prodotto di tanti piccoli gesti», conclude.