Scoperti 110 stranieri furbetti del Reddito di Cittadinanza, maxi blitz in Sicilia

Scoperti in Sicilia ben 110 stranieri che percepivano il reddito di cittadinanza. Le somme indebitamente percepite sono pari a circa 817 mila euro. Il provvedimento, emesso dal Gip del Tribunale di Messina, su proposta della Procura della Repubblica, arriva dalle indagini svolte dalla Guardia di Finanza.

In particolare, i Finanzieri hanno esaminato una platea di oltre 2000 soggetti stranieri, che risultavano aver richiesto e percepito il sussidio. Si tratta in maggioranza cittadini rumeni, nigeriani, marocchini, srilankesi, ma anche delle più svariate nazionalità, altri paesi europei e perfino dall’America latina e dai paesi arabi.

A seguito di dettagliate analisi e incroci sono emerse delle discrasie in relazione al possesso dei requisiti indicati, con particolare riferimento a quello della residenza. In particolare, sono stati incrociati i dati della residenza dei richiedenti con quelli della data d’ingresso in Italia e di rilascio del permesso di soggiorno.

Ben 110 soggetti stranieri, in sede di presentazione della domanda avevano dichiarato di risiedere in Sicilia da oltre 10 anni, ottenendo, in tal modo, indebitamente, il beneficio. Alcuni di essi, tra il 2019 e il 2021, avrebbero addirittura percepito somme superiori a 29 mila euro.

Il Gip ha disposto il sequestro delle somme indebitamente percepite, per l’illegittima percezione del Reddito di Cittadinanza che, nei casi più gravi, prevede la reclusione da 2 a 6 anni.

L’attività è stata preceduta dalla collaborazione con l’INPS di Messina, che ha messo a disposizione del Reparto del Corpo operante tutti gli elementi necessari a effettuare gli opportuni approfondimenti.


Seguici su Facebook


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
Seguici

Potrebbe interessarti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.