Terremoti in Sicilia, scosse nel Belice e nel Canale di Sicilia

Sono decine le scosse di terremoto avvertite in Sicilia nel corso degli ultimi giorni. Tutte scosse di piccola intensità ma che fanno preoccupare cittadini e istituzioni. L’INGV, l’istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia, sta monitorando la situazione.

Sono due gli sciami sismici in attività nel corso delle ultime ore in Sicilia. Il primo riguarda la zona della Valle del Belice, l’altro il Canale di Sicilia. Si tratta di due zone, soprattutto la seconda, che nei secoli hanno restituito scosse devastanti. L’ultimo terremoto distruttivo della Valle del Belice risale al 1968.

Ora i due distretti sismici stanno iniziando a rilasciare energia e i geologo stanno iniziando a chiedersi cosa stia accadendo.

LEGGI ANCHE  Tragedia a Palermo, il Covid-19 uccide giovane bagherese

Questa mattina i sismografi dell’Ingv hanno registrato una scosse alle prime ore dell’alba, alle 5.45. Il terremoto ha avuto magnitudo locale 3.0. Già ieri un’altra scossa di magnitudo 4.2 era stata registrata alle 3:01 sempre nel Canale di Sicilia, al largo della costa sud di Malta. In quel caso il sisma ha avuto ipocentro in mare a 6 km di profondità ed epicentro a circa 20 km dalle coste maltesi.

L’ultima scossa di terremoto rilevata nella Valle del Belice risale invece a ieri mattina. Alle 6.30 i sismografi hanno registrato una scossa di bassa intensità, circa 2,2 magnitudo locale. La scossa è l’ultima di una lunga serie di piccoli sismi, tutti concentrati nella zona di Salemi e del Trapanese.

LEGGI ANCHE  Vino finto a Partinico con zucchero e acqua, scatta blitz: i nomi degli indagati (VIDEO)

Un altro terremoto è stato avvertito il 28 settembre a largo di Palermo, non collegabile ai terremoti del Belice. La scossa è stata di 2,8 ml. Segnalati anche terremoti nella zona del Catanese, collegati all’attività del vulcano Etna, e nella zona delle Isole Eolie.

Ricevi tutte le news