Violente risse e feriti a Castellammare del Golfo, 7 giovani nei guai

Un apprezzamento ad una ragazza e parte la rissa tra giovani

Movida violenta a Castellammare del Golfo (Tp) dove si sono registrate due violente risse tra giovani frequentatori dei locali della Marina. Come risultato delle liti ci sono vari ragazzi feriti e sette ragazzi nei guai. sono stati denunciati dai Carabinieri di Castellammare del Golfo per lesioni personali e rissa.

I Carabinieri della locale stazione, infatti, hanno deferito all’Autorità Giudiziaria 7 giovani, ritenuti responsabili di due violente liti che si sono consumate tra le vie della movida estiva del centro in provincia di Trapani. Qui la sera so concentrano decine di giovani che, qualche volta alzano un po’ troppo il gomito. Basta uno sguardo e inizia la discussione che alla fine degenera in una rissa dai risvolti violenti.

I Carabinieri hanno ricevuto la segnalazione di almeno due gravi episodi che vedono protagoniste bande di giovani tra scazzottate e spintoni. In particolare, nel corso di specifici servizi condotti dal personale del Comando di Castellemmare del Golfo, finalizzati al controllo della movida, si è venuti a conoscenza di due episodi avvenuti rispettivamente il 3 ed il 14 giugno nella Marina di Castellammare del Golfo nei pressi di due locali particolarmente frequentati e ove i giovani usano stazionare consumando bevande alcoliche.

Nel primo caso, è stato un apprezzamento ad una ragazza a causare l’aggressione con schiaffi e pugni ad un giovane castellammarese da parte di tre ragazzi, a seguito delle quali l’aggredito ha riportato vari traumi guaribili in 5 giorni di prognosi. Nel secondo caso, per futili motivi forse legati all’assunzione di bevande alcoliche, è nata una violenta rissa che ha coinvolto numerosi ragazzi, uno dei quali ha riportato ferite guaribili in 3 giorni.

All’arrivo dei Carabinieri è scattato il fuggi fuggi generale e tutti i coinvolti si sono dileguati per le vie limitrofe facendo perdere le proprie tracce. grazie alla visione dei sistemi di videosorveglianza e alla testimonianza di alcuni presenti alle risse, i Carabinieri sono riusciti a risalire ai tre autori dell’aggressione del 3 giugno e a quattro dei partecipanti alla violenta rissa, tutti giovanissimi di età compresa tra i 18 ed i 24 anni.