A Castellemmare del Golfo spiagge sicure con 35 “addetti anti assembramento”

Lavoreranno nella spiaggia della Playa di Castellammare del Golfo ma anche a Guidaloca e negli altri spazi pubblici nelle ore serali

A Castellammare del Golfo le spiagge saranno presidiate dai lavoratori socialmente utili. Qui l’amministrazione ha deciso di dare una doppia valenza all’emergenza Covid: aiutare i cittadini in difficoltà e evitare gli assembramenti.

Così quella che è una perla del turismo della provincia di Trapani si prepara ad accogliere anche per l’estate 2020 migliaia di visitatori che saranno controllati da 35 cittadini selezionati nell’ambito del progetto “Città pulita”a Castellammare del Golfo. I lavoratori daranno supporto alla pulizia ambientale e adesso importante collaborazione per il controllo anti assembramento sulle spiagge libere. Il progetto è stato disposto dall’assessorato ai Servizi Sociali. 

Le misure anticontagio da Covid19  sono previste tra le attività che dovranno svolgere 35 cittadini con difficoltà economiche che a breve saranno al lavoro per ripulire le spiagge e la città. Chi sarà individuato si occuperà della collocazione delle passerelle per disabili nella spiaggia Playa e di Guidaloca, del controllo delle isole ecologiche collocate in queste stesse spiagge passando adesso anche al controllo per prevenire assembramenti nelle spiagge libere, ma anche in villa Margherita e, nelle ore serali, nelle frequentatissime zone del corso Garibaldi basso, cala Marina e piazzale Stenditoio, piazza Petrolo, vicolo Timpa, piazza Madrice, piazza Castello, cala marina e piazzale stenditoio.

«A causa dell’emergenza coronavirus, quest’anno l’importante progetto sociale che consente decoro ambientale e contemporaneamente supporta cittadini con difficoltà economiche, prevede nuove e precise attività per i lavoratori poiché –spiegano il sindaco Nicolò Rizzo e l’assessore ai servizi Sociali Enza Ligotti- faranno da supporto al controllo anti assembramento sulle spiagge libere ma anche nelle zone maggiormente frequentate da cittadini e turisti nelle ore serali, semplicemente ricordando che occorre mantenere le distanze, indossare i dispositivi di protezione individuale e prevedere precise misure igieniche».

Al progetto possono partecipare cittadini residenti a Castellammare del Golfo di età compresa tra i 18 ed i 65 anni che hanno precisi requisiti valutabili per la graduatoria come ad esempio il basso reddito, gli anni di disoccupazione, i figli a carico e vari altri parametri dettagliatamente riportati nel bando. I cittadini lavoreranno 4 ore al giorno per complessive 160 ore e riceveranno un contributo di 800 euro. Ai lavoratori sarà garantita la copertura assicurativa.