Un’altra donna positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello di Palermo

Al Cervello di Palermo è stata ricoverata un’altra donna risultata positiva a Coronavirus. La donna è stata ricoverata nel reparto di Pneumologia e al momento non sarebbe in gravi condizioni. È la seconda donna incinta positiva al Covid-19 ricoverata nel giro di pochi giorni al Covid Hospital di Palermo.

E’ stata trasportata dai sanitari del 118 in ospedale nella giornata di ieri, dove è stata sottoposta a tutti gli accertamenti, compreso il tampone che ha confermato il contagio.

La donna avrebbe accusato problemi respiratori e sarebbe alla ventesima settimana di gestazione. Come detto le condizioni della donna non sono considerate al momento gravi dai medici che la tengono sotto stretto monitoraggio. Il bambino non sarebbe in pericolo e non sarebbe in sofferenza.

LEGGI ANCHE  Il Covid uccide l'infermiere Totò, pioniere dell'assistenza ai malati terminali

Resta, invece, in gravi condizioni la donna di 34 anni del Bangladesh ricoverata nel reparto di Terapia Intensiva dello stesso ospedale. La donna è stata trattata con del plasma autoimmune fornito dall’ospedale di Pavia. La terapia con il plasma che contiene gli anticorpi, donato da pazienti già guariti, potrebbe salvare la vita sia alla donna, sia al piccolo di 7 mesi che ha in grembo.

Ieri con un volo di Stato sono arrivate a Palermo le due sacche contenenti il plasma. I medici comunque si tengono pronti nel caso in cui si dovesse intervenire per eseguire il taglio cesareo d’urgenza.
La donna originaria del Bangladesh, ma residente da anni a Palermo, era tornata da Londra a metà maggio facendo scalo a Roma, dove abita il marito. Durante il viaggio sarebbe stata asintomatica, tanto da superare i controlli col termoscanner nei tre aeroporti.

LEGGI ANCHE  Il Covid uccide l'infermiere Totò, pioniere dell'assistenza ai malati terminali

Tutti i passeggeri che hanno viaggiato con lei sono stati avvisati dall’Alitalia e dalle autorità sanitarie e sono state nel frattempo individuate le persone che sono venute a contatto con la gestante. A tutte è stato eseguito il tampone per individuare eventuali contagi.

Ricevi tutte le news