Palermo piange Giuseppe Giannalìa, morto a 18 anni (VIDEO)

Lacrime e dolore al funerale di Giuseppe Giannalìa, a Bonagia

Una folla oceanica si è radunata a Bonagia per dare l’ultimo saluto a Giuseppe Giannalia. Si tratta del ragazzo di 18 anni morto in ospedale in seguito ad un grave incidente stradale avvenuto tra duo scooter in via Placido Rizzoto, nel quartiere di Bonagia, a Palermo.

GIUSEPPE GIANNALIA Palloncini, applausi, fuochi d’artificio, rombi di motori, hanno accompagnato il feretro del giovane in mezzo ad una folla enorme. Tanti gli amici che hanno partecipato all’ultimo saluto di Peppe. La notizia ha messo sotto shock l’intera.

Questa mattina, nel giorno dei funerali di Peppe, così era chiamato a Dallas Giuseppe Giannalia, tantissime persone sono accorse per salutare l’amico, morto nel fiore dell’età.

Erano tante le speranze, le lacrime e le tante preghiere al cielo della sua famiglia, della fidanzata e degli amici. Ma le ferite riportate erano troppo gravi. Giuseppe Giannalìa, diciottenne residente a “Dallas”, non ce l’ha fatta. Le sue condizioni, apparse preoccupanti già negli attimi successivi al violento incidente, sono precipitate nel giro di pochi giorni. Il giovane è morto lasciando nello sconforto migliaia di persone che lo conoscevano.

La notizia della morte di Peppe è stata subito fatta circolare sui social e ha sconvolto l’intera città di Palermo. Nell’incidente rimasto gravemente ferito anche l’amico Anthony A., di 17 anni.

Il grave incidente stradale è avvenuto poco prima della mezzanotte del 16 maggio, in viale Placido Rizzoto, all’altezza del civico 59 nel popolare quartiere del capoluogo siciliano.

Nello scontro, violentissimo, erano sono rimasti coinvolti due scooter. Due feriti sono stati rianimati sul posto e intubati prima del trasporto in ospedale. A tutti e tre i medici hanno attribuito il codice rosso a causa dei traumi riportato nel violento scontro. G.B., 28 anni, ricoverato nel reparto di Ortopedia del Civico, ha riportato fratture e lesioni ma non sarebbe in pericolo di vita.

Oggi il quartiere di Bonagia si è fermato e non scorderà il sorriso di questo angelo che è volato in cielo troppo presto. Ciao Peppe.