Dramma ad Altofonte, muore il gigante buono Angioletto Cammuca

Da tutti descritto come una persona solare, gentile, buona e generosa

Una comunità a lutto è quella di Altofonte, in provincia di Palermo, per la morte di Angelo Cammuca a soli 50 anni. Una persona celebre all’interno della comunità altofontina morto ieri a causa di una complicazione sorta in seguito a una visita ospedaliera.

Per tutti era “Angioletto”. Nonostante la sua stazza da gigante era considerato un gigante buono. Una persona sempre a disposizione di tutti, sorridente, buona e gentile. Non si tirava mai indietro per aiutare tutti coloro che ne avevano bisogno.

L’intera città di Altofonte si stringe attorno al dolore per la morte di Angelo Cammuca. Attivissimo nel sociale, nello sport e nella vita religiosa della città del Parco. Tutto ad Altofonte conoscevano Angelo Cammuca.

Sui social alla notizia della trista notizia si è generato un tripudio di commenti e foto. Tutti hanno voluto ricordare con un post o una foto su Facebook Angioletto. Anche il sindaco di Altofonte Angelina De Luca.

La nostra comunità è sconvolta per la perdita di un grande uomo, conosciuto da tante generazioni – dice il sindaco -. Un uomo di chiesa, uno sportivo, un padre di famiglia, perché cresciuto in fretta per dare sostegno ai suoi cari. Angioletto, il suo nomignolo mai fu tanto appropriato ad una persona sempre sorridente, disponibile, altruista anche quando la vita non gli sorrideva”.

Un uomo tanto apprezzato per le sue virtù umane e perché portava lo stendardo della confraternita di San Giuseppe di Altofonte della quale, seguendo la tradizione di famiglia, faceva parte.

“Angelo di nome e di fatto – scrive Denise su Facebook – Impossibile non volerti bene. Chi ha avuto la fortuna di conoscerti non potrà mai dimenticarti! Eri sempre sorridente, pronto a ridere e a far ridere tutti. “Se ci sei batti un colpo” mi dicevi.. quando tu, ovviamente primo della fila, non ti stancavi mai di camminare su per la montagna ed io, quasi svenivo.. Oggi, il colpo l’hai dato tu.. e molto forte.. per me e per tutto il paese”. 

Domani mattina alle ore 15 i funerali.