Coppia fa l’amore sulla spiaggia di Cefalù, guardone posta il video sui social

Un uomo e una donna sono stati colti dall'obiettivo di un cellulare mentre "amoreggiavano" in maniera spinta

1

Un video circola sui social e su Whatsapp di una coppia filmata mentre fa l’amore sulla spiaggia di Cefalù in pieno giorno. Scoppiano le polemiche nella cittadina in provincia di Palermo ma in tanti difendono i due bagnanti e, anzi, se la prendono con chi ha ripreso il video e lo ha postato in rete. Intanto a Cefalù il sindaco chiede alle forze dell’ordine d’individuare i due che, senza curarsi più di tanto di chi stava attorno, si sono lasciati trasportare dalla passione amorosa.

La polemica sul video dell’amplesso

Non si parla d’altro in queste ore a Cefalù dove un uomo e una donna sono stati colti dall’obiettivo di un cellulare mentre “amoreggiavano” in maniera spinta sulla sabbia. Non si conosce l’età e nemmeno la provenienza ma sembra si tratti di due turisti. Sembra che il video risalga a domenica mattina, subito dopo la notte di ferragosto.

L’ira del sindaco Lapunzina

Furioso il sindaco di Cefalù che annuncia una denuncia per atti osceni in luogo pubblico dopo che la scena è diventata subito virale sul web, grazie a un anonimo autore che ha girato un video postandolo sui social. A commentare il fatto è stato il sindaco Rosario Lapunzina. “Circola sui social un video che ritrae due soggetti impegnati in un amplesso, in un punto della spiaggia del lungomare di Cefalù – scrive il sindaco –. Esecrabile il gesto, compiuto in un luogo in cui avrebbero potuto assistervi minori, il che, com’è ovvio, costituisce grave reato”.

Critiche a chi ha ripreso il video

Ma il sindaco se la prende anche con chi ha ripreso la scena  in spiaggia. “Ciò che mi sorprende – prosegue il sindaco – è che l’autore del filmato, piuttosto che comporre il numero 112 chiedere l’intervento di chi di dovere, si sia dilettato, telefono in mano, in una ripresa di circa un minuto, allo scopo di condividerla sui social, mancando di compiere un dovere civico e contribuendo, in maniera sostanziale, ad aggravare il danno d’immagine”.

Facebook Ricevi le nostre news su Facebook Metti mi Piace

1 Commento
  1. Andrea dice

    Gli unici essere umani normali sono quelli che stanno facendo sesso. Tutto il resto sono una manica di frustrati, guardoni e malati di mente. Le denunce all’autorità giudiziaria fatele per le mafia non per due persone che non hanno fatto male a nessuno. Che paese di merda!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.