Nuovo Dpcm, no lockdown ma ancora fasce e prime riaperture

"Il sistema a fasce verrà mantenuto. Finora è stato scongiurato un lockdown generalizzato"

Il sistema a fasce colorate continuerà a scandire le settimane e i mesi di emergenza che verranno anche se si prospettano già i primi segnali, seppur flebili, di ripresa. La politica è a lavoro per stilare i provvedimento del nuovo Dpcm. La prima bozza del documento potrebbe vedere la luce già domani. Intanto oggi Musumeci e Razza hanno partecipato alla conferenza con i rappresentanti delle altre regioni per fare il punto della situazione e per fare fronte comune sulle decisioni da adottare.

Ordinanze rinviate al lunedì

“Il sistema a fasce verrà mantenuto. Finora è stato scongiurato un lockdown generalizzato e questo deve essere l’obiettivo principale anche per le prossime settimane e per i prossimi mesi”, così il ministro, Maristella Gelmini. “State certamente notando un cambio di metodo. Ci siamo visti domenica e ci stiamo rivedendo oggi. Gli incontri saranno sempre più frequenti e costanti”, ha detto. Sul rinvio al lunedì dalla domenica dell’entrata in vigore delle ordinanze “questo avevano chiesto le Regioni, e lo avevo condiviso, questo abbiamo ottenuto. Così aiutiamo anche le attività economiche che non perderanno il week end”.

Domani prima bozza Dpcm

“Il governo sta lavorando intensamente in queste ore sul nuovo provvedimento anti-Covid. Sono naturalmente in costante contatto con Palazzo Chigi e contiamo di farvi avere, nella giornata di domani, con grande anticipo rispetto alla scadenza del 5 marzo, una prima bozza del Dpcm”.  aggiunge la Gelmini all’incontro con le Regioni. “Per l’esecutivo Draghi è fondamentale il confronto costante con le Regioni e anticipare le decisioni, in modo da lasciare ai cittadini il tempo necessario per poter organizzare la propria vita”, ha aggiunto.

Intanto resta il sistema a fasce

“Il sistema dei parametri (per definire i colori delle zone in Italia nell’emergenza Covid) si può affinare, ma probabilmente non con il decreto in arrivo, ci vorrà un tavolo tecnico. In ogni caso, per rendere più agevole la programmazione delle attività economiche, le chiusure non entreranno più in vigore di domenica ma di lunedì”. Lo ha detto la ministra delle Autonomie Gelmini all’incontro con le Regioni e gli Enti locali.

“Lavoriamo a riapertura luoghi cultura dopo marzo”

“Stiamo lavorando per una graduale riapertura dei luoghi di cultura. Il ministro Franceschini ha avviato un confronto con il Cts per far in modo che, superato il mese di marzo, si possano immaginare riaperture con misure di sicurezza adeguate. È un percorso, non è un risultato ancora acquisito. Ma è un segnale che va nella giusta direzione”. Così la ministra Gelmini agli Enti locali durante l’incontro con le Regioni.

Ricevi tutte le news

SEGUI DIRETTA SICILIA SU GOOGLE NEWS

SEGUICI SU FACEBOOK
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.