Da domenica Sicilia in arancione, Musumeci pensa a mini zone rosse

La Sicilia potrebbe tornare in zona arancione ma restano alcuni focolaio che preoccupano

  • Lo stop alla zona rossa in Sicilia quasi certo

  • Musumeci e l’ipotesi piccole zone rosse

  • Torna la didattica in presenza alle medie e superiori

Domani la Sicilia saprà se sarà ancora zona rossa o zona arancione anche se appare quasi scontato che l’isola sarà inserita tra le regioni colorate d’arancio dal Ministero della Salute. I contagi che calano, o meglio, non sono più elevati come nei giorni scorsi, lasciano presagire ad un ritorno alla fascia arancio.

Cosa accadrà con la fascia arancione in Sicilia?

Il commercio potrà tornare alla quasi normalità le scuole torneranno in presenza ma si deve capire con quali modalità. Bar e ristoranti attendono le disposizioni. Alcuni Comuni però potrebbero restare n zona rossa. Stiamo parlando di quelli con il più alto tasso di contagi e che ancora non sono riusciti ad uscire dalla morsa del Covid. L’assessore alla Salute Razza ha fatto passare questo messaggio ieri all’Ars nel corso del suo intervento.

Da domenica stop alla zona rossa

A partire da lunedì 1 febbraio dunque la Sicilia potrebbe tornare in zona arancione. Secondo la giunta regionale, i dati sul contagio lasciano prevedere che sono venute meno le esigenze di misure estreme. “Nelle ultime settimane l’incidenza per 10 mila abitanti ha visto la Sicilia al quinto posto in Italia, quella per deceduti al dodicesimo posto e i tamponi realizzati ci vedono al settimo posto per casi positivi (5%). Inoltre la Sicilia è tra le regioni col maggiore rispetto dei parametri di ospedalizzazione: siamo sotto il 30% in terapia intensiva e sotto il 40% in medicina ordinaria”. La zona rossa quindi sarà revocata, l’assessore Razza non lo ha di certò nascosto.

Piccole zone rosse in Sicilia

Il Presidente della Regione Nello Musumeci anche se la zona rossa sarà certamente annullata, potrebbe decidere di mantenere il blocco in aree ristrette della Sicilia. Preoccupa l’imminente arrivo della festa di Sant’Agata di Catania dove potrebbero svilupparsi pericolosi assembramenti di persone nonostante lo stop alla festa.

Dal 1 febbraio via anche alla scuola in presenza

La scuola si prepara a ripartire e anche le lezioni delle scuole superiori torneranno in presenza. L’assessorato all’Istruzione sta già stilando un calendario che prevede dal primo febbraio il ritorno in aula anche delle seconde e terze medie. Le superiori rientreranno solo qualche giorno dopo, forse la settimana successiva, e sempre con la formula del 50% di studenti in classe e l’altra metà (a rotazione) in didattica a distanza. Previsti anche screening di massa agli studenti. C

La Sicilia verso la zona arancione

“I dati ci indicavano questa strada e così facendo siamo riusciti a far calare i contagi. Se non ci fosse stata la zona rossa due settimane fa l’avremmo avuta lo stesso adesso e sarebbe durata più a lungo”. queste le parole di Razza che ha giustificato la scelta di chiedere al governo la zona rossa. I dati dei contagi e il pressing delle forze politiche e della totalità delle categorie produttive è stato fondamentale nel cambio di rotta.

Ricevi tutte le news

SEGUI DIRETTA SICILIA SU GOOGLE NEWS

SEGUICI SU FACEBOOK
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.