Economia

Da Palermo a Monreale, fondi europei per 10 milioni ai tesori siciliani

Dieci milioni di euro per lavori di ricerca archeologica, restauro, riqualificazione e valorizzazione di beni culturali in Sicilia. L’iniziativa del governo della Regione Siciliana, finanziata con risorse del Fesr 2014-2020, riguarda le provincie di Palermo, Ragusa e Siracusa. Gli interventi programmati interesseranno importanti monumenti, alcuni dei quali inseriti nell’itinerario Unesco ‘Palermo arabo-normanna e le Cattedrali di Cefalù e Monreale’.

“L’azione di valorizzazione del nostro immenso patrimonio artistico – sottolinea il presidente della Regione, Nello Musumeci – non si ferma neppure in questo momento di emergenza sanitaria. La ricostruzione dell’attività economica, produttiva e sociale della nostra Isola passa anche attraverso un’offerta turistico-culturale di alto livello, qual e’ appunto quella che può offrire una piena fruizione dei nostri siti archeologici, dei parchi e dei musei. Per questo ci concentreremo subito sulla realizzazione di una serie di progetti in grado di rilanciare alcuni siti che custodiscono veri e prori tesori d’arte”.

LEGGI ANCHE  Sicilia Outlet Village, partnership strategica tra due importanti operatori del settore

“Il governo regionale – aggiunge l’assessore ai Beni culturali, Alberto Samonà – valorizza e riqualifica, con alcuni interventi mirati, veri e propri scrigni della memoria fra Palermo, Monreale, Cefalù, Scicli e Palazzolo Acreide. I siti della cultura sono al centro dell’azione di questo governo, non soltanto per consentire a tutti di poterne fruire in piena sicurezza, ma soprattutto perche’ questi sono testimonianze preziose, uniche, dell’essenza stessa della nostra terra, che si nutre di storia millenaria che diventa visione nel presente e scommessa per ripensare il futuro della Sicilia: puntare sulla nostra identità profonda e’ il nostro più grande sogno”.

Sullo stesso argomento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *