Pasqua blindata a Palermo e provincia: «Dalle città non si esce»

A Palermo prendono il volo i droni per il controllo degli assembramenti. Si tratta di una iniziativa della Polizia municipale di Palermo per meglio controllare gli spostamenti nel corso di Pasqua e Pasquetta e per il rispetto delle norme di contenimento del Coronavirus.

Questa mattina gli uomini della Polizia Municipale hanno eseguito alcuni voli di prova al Foro Italico. Sono tre i dispositivi di pilotaggio remoto che sorvoleranno il Capoluogo alla ricerca di assembramenti. L’Enac ha dato il proprio placet al loro utilizzo.  “L’obiettivo è presidiare al meglio le strade della città”, dicono da via Dogali  soprattutto nei giorni delle festività pasquali.

Anche la Polizia di Stato ha dato vita a un grande piano di controllo del territorio. In giro per la città ci saranno volanti e motociclisti, pattuglie appiedate e agenti in borghese della  Mobile e della Digos.  In occasione della ricorrenza della “pasquetta”, tradizionalmente caratterizzata da gite e scampagnate fuori porta, che quest’anno non potranno avere luogo a causa dell’emergenza epidemiologica in atto, pattuglie del Reparto a Cavallo della Polizia di Stato percorreranno i parchi e le principali aree verdi del capoluogo.

La Polizia Stradale sarà impegnata sulle principali arterie stradali ed autostradali della provincia. In numerosi comuni della provincia di Palermo saranno impegnati i poliziotti  del Reparto Prevenzione Crimine Sicilia Occidentale.

Dal cielo l’occhio vigile degli elicotteristi del Reparto Volo della Polizia di Stato, in costante contatto con la Centrale Operativa della Questura, vigilerà dall’alto sulla città, fornendo supporto agli equipaggi su strada e garantendo anche un efficace raccordo operativo degli interventi in caso di emergenza.

In campo anche l’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Capitaneria di Porto, della Polizia Municipale di Palermo e delle Polizie Locali dei Comuni della provincia. L’appello che fanno tutte le autorità è quello di stare a casa e festeggiare la Pasqua in famiglia per evitare inutili assembramenti.