Primo morto a Palermo per Coronavirus, è 55enne originario di Corleone

Ricoverata anche la compagna al Cervello positiva al Coronavirus

C’è la prima persona morta a Palermo per Coronavirus. È il primo decesso al Civico.
Un paziente di 55 anni, originario di Corleone ma residente a Palermo, è deceduto di ieri pomeriggio nel reparto di Terapia intensiva del Civico. Era ricoverato da qualche giorno in gravi condizioni.

La conferma arriva dal sindaco di Corleone Nicolò Nicolosi che al giornale Filodiretto ha confermato il luogo di origine del 55enne. Il primo cittadino ha anche specificato che la persona deceduta non risiedeva in città.

Anche la compagna dell’uomo è ricoverata per Coronavirus. Si trova al Cervello. L’uomo morto a Palermo per Coronavirus è un dipendente dell’Eni. Pare soffrisse di asma. Una settimana prima di entrare in ospedale sia lui che la donna avevano accusato i primi sintomi e avevano contattato il medico curante.

Quindi l’intervento dei sanitari del 118 che hanno portato entrambi al Cervello. L’uomo è stato portato al Civico e sottoposto a ventilazione artificiale. Ieri la brutta notizia dopo che le condizioni dell’uomo si sono aggravate.

“In merito alla diffusione di articoli pubblicati oggi da alcune testate online – dice il Comune di Corleone – , si precisa che il paziente deceduto all’ospedale Civico di Palermo a causa del Coronavirus era originario di Corleone, ma viveva a Palermo. La direzione dell’Ospedale dei Bianchi e il 118, entrambi contattati da noi telefonicamente, hanno chiarito che l’uomo non è stato prelevato a Corleone, come erroneamente pubblicato, ma direttamente nel capoluogo per essere trasportato in ospedale. Non risultano contatti recenti in paese, considerato che anche i familiari dell’uomo vivono a Palermo”.

➡️ Per questa e altre news seguici su Facebook.

Il sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se accedi a un qualunque elemento del sito acconsenti all"uso dei cookie ACCETTO più info

Politica sui Cookie