Apocalisse in Sicilia, notte di fuoco e paura ovunque: aeroporto di Palermo chiuso

Incendi e paura da Monreale a Palermo, ad Altofonte, Carini, Mazara del Vallo, San Vito lo Capo, tanti roghi che hanno costretto i cittadini a ld evacuare

Palermo – Notte di paura e caos in Sicilia, con vasti incendi che hanno costretto alla chiusura dell’aeroporto di Palermo e minacciano abitazioni e infrastrutture. Le fiamme divampano senza controllo da Palermo fino ad Alcamo, alimentate dal caldo record e dai forti venti.

È un inferno di fuoco nella provincia palermitana, con fronte del fuoco attivo su più fronti: da Monreale a San Martino delle Scale, da Monte Gallo a Bellolampo. Paura anche a Carini, dove il rogo lambisce l’autostrada Palermo-Mazara del Vallo, con svincoli chiusi. Stessa situazione sulla A29 Alcamo-Trapani, invasa dalle fiamme.

A San Vito lo Capo i residenti fuggono da Monte Cofano mentre a Pantelleria un vasto incendio divampa in zona Khamma. Il sistema antincendio regionale è collassato e le fiamme circondano interi paesi. Scene apocalittiche a Villagrazia di Carini, con i cittadini costretti ad abbandonare le case minacciate dal fuoco come anche a San Martino delle Scale.

In tilt l’intera viabilità, con l’aeroporto di Palermo chiuso fino alle 11 di stamattina. Tutti i voli cancellati per sicurezza e i passeggeri invitati a non recarsi in aerostazione. Caos e traffico bloccato anche sulle autostrade per gli incendi. Una notte da incubo che lascia uno scenario da disastro.

Mentre infuriano gli incendi, è corsa contro il tempo per salvare case ed infrastrutture, con i vigili del fuoco, corpo forestale e protezione civile impegnati senza sosta. Ma i fronti di fuoco sono tantissimi e le fiamme minacciano ovunque strade, case e intere aree urbane. Una situazione apocalittica che mette in ginocchio la Sicilia, già provata dalle temperature record di questi giorni.

Non si arresta l’emergenza roghi nell’isola. Con le alte temperature e il vento previsti anche nei prossimi giorni, il rischio è che l’inferno di fuoco possa ulteriormente aggravarsi. Un disastro senza precedenti che devasta paesaggi e comunità. In molte località inoltre manca la corrente elettrica per il sovraccarico della rete.

Continua a leggere le notizie di DirettaSicilia, segui la nostra pagina Facebook e iscriviti al nostro canale