Morti senza sepoltura ai Rotoli, Leoluca Orlando indagato

Il sindaco di Palermo indagato per omissione di atti d’ufficio

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando è indagato nell’ambito delle attività di indagine sul caos del cimitero dei Rotoli. La procura diretta da Francesco Lo Voi l’ha indagato per omissione di atti d’ufficio.

Come riporta La Repubblica Palermo, è indagato dalla Procura di Palermo per omissione di atti d’ufficio nell’ambito dell’inchiesta sulle bare insepolte, quasi 900, al cimitero dei Rotoli. A dicembre, Orlando ha ricevuto
un avviso di proroga dell’inchiesta.

Orlando ha già chiesto ai magistrati tramite il suo legale, l’avvocato Roberto Mangano, di essere ascoltato, per esporre la linea di difesa. L’audizione avverrà nei prossimi giorni. Gli altri indagati sono stati interrogati a dicembre. Si attendono le ulteriori valutazioni della procura, che dovrà avanzare la richiesta di rinvio a giudizio.

Sul caos del cimitero dei Rotoli la Procura indaga da tempo. Ai domiciliari nell’ottobre 2020 nell’ambito di un’inchiesta dei carabinieri finì il direttore del camposanto con l’accusa di corruzione e concussione. Lo scorso settembre la Procura ha chiesto il rinvio a giudizio per dieci persone, fra dipendenti comunali e impresari funebri.

Continua a leggere le notizie di DirettaSicilia, segui la nostra pagina Facebook e iscriviti al nostro canale