Il Governo ferma i balli in discoteca, monta la protesta dei gestori

La categoria per effetto delle ultime restrizioni “natalizie” sarà ancora una volta la più colpita dai provvedimenti

Il Governo decide di tenere chiuse le discoteche e monta la protesta dei gestori che lanciano anche l’allarme sulle feste abusive. Le associazioni di categoria non ci stanno alle ultime decisioni dell’esecutivo in materia di lotta all’emergenza sanitaria. Niente balli in discoteca dunque per Capodanno, un evento che la categoria attendeva per chiudere l’anno in positivo.

“Hanno deciso di chiudere i locali da ballo e le discoteche nonostante da parte nostra ci sia stato il rispetto di tutte le misure restrittive. Chiederemo con forza al Ministero dell’Interno di vigilare sullo svolgimento di feste private abusive o in luoghi non attrezzati per evitare che ancora una volta possano trionfare l’abusivismo e l’illegalità, con un ulteriore aumento dei contagi che creerebbe ulteriori disastri al nostro Paese. Per noi sarebbe una doppia beffa”.

Mazzata dalle restrizioni “natalizie”

Vincenzo Grasso, presidente del Silb, l’associazione che raggruppa i principali locali da ballo, dà voce alla categoria che per effetto delle ultime restrizioni “natalizie” sarà ancora una volta la più colpita dai provvedimenti. “Siamo rimasti spiazzati dalla tempistica dei provvedimenti – spiega Grasso -, abbiamo saputo delle nuove chiusure soltanto qualche ora prima di Natale, cioè ben dopo che la macchina organizzativa per le feste natalizie si era già messa in moto. Abbiamo fatto contratti ad hoc al personale, investito sulle materie prime, lavorato alla preparazione degli eventi. Per noi, che in questo periodo puntiamo a realizzare quasi il 20% del fatturato annuo, è un’altra dura mazzata, sarebbe il colmo se – come successo l’anno scorso – organizzatori improvvisati, senza le carte in regola, approfittassero della chiusura dei nostri locali”.

“Categoria discriminata”

“Al Governo – prosegue Grasso – chiederemo attenzione anche per la concessione di adeguati ristori economici. Siamo ancora in attesa di quanto ci era stato promesso nel mese di luglio e non possiamo più aspettare. Gli ultimi due mesi, in cui abbiamo lavorato con capienza ridotta, ci hanno permesso di limitare i danni, non certo di recuperare le ingenti perdite di oltre un anno di chiusura forzata. Questa discriminazione nei confronti della nostra categoria, che dà lavoro direttamente o indirettamente a migliaia di persone, è davvero incomprensibile”.


Seguici su Facebook


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
Seguici

Potrebbe interessarti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.