Blitz in un cantiere edile della Guardia di Finanza, dei funzionari dell’Asp e dell’Inail. Eseguito un accesso presso un cantiere edile, sito nel quartiere Cruillas, al fine di effettuare un controllo in materia di legislazione sociale e del lavoro nonché in materia di sicurezza.

Il cantiere era stato individuato grazie al quotidiano monitoraggio dei principali siti di costruzione insistenti nella città metropolitana disposto dal Comando Provinciale di Palermo nell’ambito del servizio di controllo economico del territorio.

In particolare, durante le operazioni è emersa la presenza di 5 operai in nero.
I Finanzieri hanno quindi proceduto ad elevare ai titolari delle attività due maxi-sanzioni che puo arrivare a 77.760 euro. Inoltre, visto il superamento della soglia del 10% della manodopera irregolare impiegata sul totale della forza lavoro presente, hanno segnalato le imprese all’Ispettorato del Lavoro competente per l’adozione del provvedimento di sospensione delle attività.

I successivi sviluppi investigativi hanno permesso, inoltre, di rilevare che uno dei lavoratori “in nero” individuati fosse anche percettore del reddito di cittadinanza. Lo stesso è stato prontamente segnalato al locale ufficio Inps per la revoca del beneficio e il recupero delle somme indebitamente percepite.

Infine si è proceduto alla sospensione dell’attività imprenditoriale per violazioni in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro, trovati carenti dei requisiti previsti dalla specifica normativa.

Articolo precedenteOrrore nel Palermitano, disabili picchiati e segregati: 35 arresti
Articolo successivoLa Onlus lager di Castelbuono, “Dottoressa mi faccia uscire”, i nomi degli arrestati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui