Tragedia durante operazione sull’Etna, muore il soccorritore Salvatore Laudani

Non è ancora chiaro com'è morto Savatore Laudani

Salvatore Laudani, soccorritore del Soccorso alpino e speleologico siciliano (Sass) è morto durante un intervento di salvataggio sull’Etna. La tragedia è avvenuta ieri sera.

È il Sass che fa sapere quanto avvenuto sull’Etna nel corso di un’operazione di soccorso. “È venuto a mancare Salvatore Laudani, amico, collega”, dice il Sass, aggiungendo che “tutto il Soccorso alpino e speleologico siciliano si unisce al dolore della famiglia”.

Non è ancora chiaro com’è morto Savatore Laudani. Non è precisata la causa del decesso, neppure se sia collegato a un incidente o a un malore. Dal Sass spiegano che “al momento non possiamo aggiungere altro” e che “tutto sarà precisato con un comunicato che sarà emesso nelle prossime ore”.

Secondo le prime ricostruzioni, l’intervento di soccorso era scattato ieri per il recupero, compiuto dal Sass e dal Soccorso alpino della guardia di finanza (Sagf) di Nicolosi, nel versante sud dell’Etna, a 2.246 metri di quota, di un uomo che, nonostante l’equipaggiamento adeguato per il tipo di escursione, era scivolato in uno dei canaloni che si affaccia alla Valle del Bove, procurandosi la sospetta frattura di un arto inferiore. Le squadre del Sass e del Sagf avevano raggiunto il ferito e lo avevano portato in salvo. I soccorsi sono stati ostacolati e resi difficili per la presenza di neve, forti raffiche di vento gelido, nebbia e temperatura sotto lo zero.


Seguici su Facebook


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
Seguici

Potrebbe interessarti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.