Uomo morto dopo incidente si risveglia in obitorio, “Respira ancora”

La scoperta incredibile è stata fatta subito dopo l'arrivo dei parenti che avevano il compito di riconoscere il morto

Dichiarato morto dai medici, è, invece ancora vivo. Una storia che ha dell’incredibile. L’uomo, 45 anni, dichiarato morto da un medico dopo essere stato investito da una moto, è stato ritrovato vivo all’obitorio subito prima dell’esecuzione dell’autopsia.

Srikesh Kumar, questo il nome della persona data per morta, è stato investito da una moto a Moradabad, a est di Nuova Delhi. I medici lo hanno dichiarato morto dopo il suo arrivo in clinica. “Il medico del servizio d’emergenza lo ha visitato. Non ha trovato alcun segno di vita e quindi lo ha dichiarato morto”, ha detto all’Afp il direttore medico dell’ospedale, Rajendra Kumar, dove è stato poi inviato il corpo dell’uomo per l’autopsia.

La scoperta incredibile è stata fatta subito dopo l’arrivo dei parenti che avevano il compito di riconoscere il morto. All’arrivo della famiglia in ospedale, indatti, l’uomo è stato ritrovato vivo, dopo essere stato posto per sei ore in una cella frigorifera. Il 45enne respirava ancora ma si trovava in uno stato di coma. “Quando una squadra di polizia e la sua famiglia sono arrivate per avviare le procedure amministrative per l’autopsia, è stato trovato vivo”, ha spiegato Kumar parlando di un vero e proprio miracolo. Ora sulla vicenda indagano le autorità.

Non è chiaro cosa sia successo gli attimo dopo l’incidente. Fatto sta che Srikesh Kumar, respirava ancora nonostante i medici lo avevano dato per deceduto. Sul corpo dell’uomo gli inquirenti stavano per eseguire l’esame autoptico che per fortuna non è più avvenuto. “È a dir poco un miracolo”, ha commentato il direttore dell’ospedale, mentre è stata aperta un’indagine per comprendere l’errore diagnostico dopo la denuncia sporta dalla famiglia dell’uomo.


Seguici su Facebook


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
Seguici

Potrebbe interessarti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.