Giornalista picchiato brutalmente a Palermo, ricoverato in codice rosso

Troppi i casi di giornalisti minacciati e aggrediti sul campo

PALERMO – Un giornalista brutalmente aggredito a Palermo mentre fa il proprio lavoro sul campo. Il cronista è stato trasportato al Pronto soccorso in codice rosso. La vittima della brutale aggressione è Michele Sardo, direttore della testata palermitana Palermo Live. Il racconto dell’aggressione è stata riportata dalla stessa testata.

L’uomo era a Piazza Ottavio Ziino dove era in corso un incendio in una stazione di rifornimento. Mentre scattava alcune foto sarebbe stato aggredito da due uomini. Il primo lo avrebbe aggredito verbalmente per poi togliergli il cellulare dalle mani.

Il Direttore del giornale voleva recuperare il suo telefono ma a quel punto sarebbe stato spintonato e poi colpito più volte allo stomaco e alla schiena. Un altro uomo avrebbe poi sorpreso il giornalista da dietro, stringendogli il collo con il braccio e facendogli perdere i sensi.

La Polizia Municipale è subito intervenuta sul posto chiamando il 118. I soccorritori hanno prelevato il cronista e lo hanno trasportato all’ospedale di Villa Sofia dove è giunto in codice rosso per un sospetto arresto cardiaco. Ora Sardo si trova ancora sotto osservazione nel reparto di Pronto soccorso dell’ospedale palermitano. Le sue condizioni sono buone.

“Purtroppo una sparuta parte di cittadini continua a non comprendere quanto sia utile ed importante allo sviluppo culturale e sociale dell’intera comunità il percorso della libera informazione come veicolo di critica, di crescita e di salvaguardia della legalità. Spero che gli inquirenti possano risalire immediatamente all’individuazione di questi incivili”. Lo ha dichiarato il consigliere Antonino Randazzo del gruppo M5S a Palazzo delle Aquile.

  • Troppi i casi di giornalisti minacciati e aggrediti sul campo. Alla redazione di Palermo Live la solidarietà di DirettaSicilia.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
Seguici

Potrebbe interessarti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.