Marito-orco picchia la moglie incinta e le fa perdere il bambino, portato al Pagliarelli

Oggi la polizia ha arrestato un uomo di 54 anni palermitano dopo 7 anni di violenze continue

Picchia la moglie incita fino a fargli perdere il bambino che portava in grembo. Accade a Palermo dove la Polizia di Stato ha fermato un uomo che adesso si trova in carcere. Una storia di violenze che durava da ben 7 anni, culminata con l’aborto e con la denuncia della vittima.

Oggi la polizia ha arrestato un uomo di 54 anni che per sette anni avrebbe picchiato la moglie anche quando era incinta. Le violenze avrebbero provocato la morte del piccolo. Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Palermo, su richiesta della Procura, ha disposto per l’indagato la misura della detenzione nel carcere Pagliarelli.

Dopo sette anni di matrimonio, la donna ha trovato il coraggio di raccontare tutto. Per tutti questi anni la vittima sarebbe stata anche segregata in casa, con la porta chiusa con un catenaccio, costretta in più occasioni e con la violenza ad avere rapporti sessuali.

L’ultimo grave episodio risale qualche mese fa quando la donna sarebbe stata costretta a scappare da casa trovando rifugio alla stazione di Palermo. La donna era stata ricoverata al Buccheri La Ferla dopo l’ennesima aggressione. L’uomo davanti ai rispettivi genitori aveva promesso di non picchiarla più. Ad agosto scorso di nuovo le percosse e la donna ha trovato la forza di troncare la relazione, denunciando tutto alla polizia e chiedendo di essere trasferita in una struttura protetta.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
Seguici

Potrebbe interessarti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.