Apocalisse in Sicilia con Anna, è già un trionfo la serie tv

La serie Anna di Niccolò Ammaniti va in onda su Sky Atlantic e on demand su Now, il primo episodio è già un successo

Su Sky e on demand su Now da ieri è possibile vedere gli episodi di Anna, la nuova serie TV di Niccolò Ammaniti, tratta dal suo settimo romanzo del 2015. Una Sicilia apocalittica è quella rappresentata dalla serie che ha già iniziato ad appassionare i siciliani e non solo. Si tratta di un’opera che potrebbe anche sbancare all’estero per il suo fascino e per un tema attualissimo.

La Sicilia post apocalittica su Anna

La serie tv Anna è prodotta da Wildside, in cooperazione con ARTE France, The New Life Company e Kwaï ed è ambientata in Sicilia. La Sicilia entra in un’atmosfera post apocalisse causata da un virus, “La Rossa”, che ha ucciso tutti gli adulti ed è dormiente nei bambini fino a quando non entrano nella pubertà e che impedisce la riproduzione.

Dal romanzo di Niccolò Ammaniti

Su Anna è presenta la Sicilia vista dal punto di vista di Ammaniti, lo scrittore premio Strega. Ha deciso di ambientare Anna proprio in Sicilia che non è solo paesaggi da cartolina e vedute mozzafiato. Lo scrittore ha indagato anche i luoghi più remoti e abbandonati, location uniche per la serie che sta appassionando tutta Italia.

La serie Anna è in onda su Sky e in streaming su Now

Anna rappresenta nelle sue puntate ciò che resta di un mondo post pandemico, dove gli adulti sono scomparsi e i bambini fanno gli zombie tra meraviglie e orrori. E la Sicilia sembra essere una location unica, tra gli autogrill della autostrada isolata Messina-Catania, i neri crateri dell’Etna e quella Palermo sotterranea di palazzi ed edifici “fossili”, come i detriti dei capannoni della Fiera del Mediterraneo. «In Sicilia ho trovato lo stupore di una terra che per sua natura sa essere duplice – dice Ammaniti a Repubblica – c’è il fascino del degrado e la meraviglia dei paesaggi».

I protagonisti Giulia Dragotto e Alessandro Pecorella

La storia di Anna, serie in sei episodi, ha per protagonisti due fratelli, Anna, nella fiction l’esordiente 14enne Giulia Dragotto, e Astor, interpretato da Alessandro Pecorella, 9 anni. Nel primo episodio, ieri al debutto, Anna e il fratellino si risvegliano in un mondo sterminato da un virus al quale solo i bambini sono immuni fino alla pubertà. Si tratta di un gioco di sopravvivenza in una Sicilia inventata, reduce da una pandemia.

Sei episodi di Anna, girato tra i luoghi affascinanti della Sicilia

Numerose scene sono state girate nelle strade provinciali di Mazara del vallo, al lido Aragosta di Messina oggi abbandonato. Non potevano mancare nemmeno le riprese a Gibellina nuova. A Porto Empedocle, invece, un ponte in costruzione è diventato luogo abbandonato.


Seguici su Facebook


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
Seguici

Potrebbe interessarti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.