Brucia la Sicila, maxi incendi a Monreale e San Giuseppe Jato (VIDEO)

È stata una giornata di grande lavoro ieri in Sicilia, colpita da numerosi incendi. Decine sono i roghi che hanno distrutto ettari di vegetazione e boschi. E 15 sono i grandi incendi domati su 16. Ne resta ancora uno attivo a Naso in provincia di Messina.

Decine di squadre dei vigili del fuoco e del Corpo Forestale regionale sono stati impegnati ieri. Sono oltre 50 le associazioni di volontariato della protezione civile regionale impegnate a dare supporto nelle operazioni di spegnimento. Impiegati anche Canadair della protezione civile nazionale.

I roghi hanno interessato la strada statale 113 e l’autostrada Messina -Palermo che sono state chiuse per alcune ore nel pomeriggio di ieri.

Sono continuate nella notte le operazioni antincendio nei territori di Naso e Capo d’Orlando ma alle 23 ha cominciato a piovere. In contrada Due Fiumare alcune abitazioni lambite dalle fiamme sono state evacuate. Sul posto squadre di vigili del fuoco, della forestale, volontari e tecnici della protezione civile siciliana a dare supporto sia alle azioni di contrasto al fuoco che a quelle di assistenza alla popolazione. Un incendio che ha coinvolto anche i comuni di Santo Stefano di Camastra, Caronia, Tusa e Motta d’Affermo.

Nel palermitano le fiamme hanno colpito Carini, Baucina, San Giuseppe Jato, Trappeto, Vicari, Monreale, Poggio ridente, e le frazioni di Pioppo, San Martino delle scale e Monreale ai tre Pizzi, nel comune di Monreale. Tutti gli interventi sono stati chiusi con successo.

Nel trapanese un grosso incendio in località Guida Loca a Castellammare del Golfo è stato spento. Le fiamme hanno minacciato delle abitazioni le quali sono state temporaneamente evacuate grazie all’ausilio dei nostri volontari di protezione civile.

Per questa mattina, il Dirigente Generale Salvo Cocina ha disposto la preallerta di tutte le organizzazioni di volontariato disponibili dalle altre provincie confinanti per rinforzare il dispositivo di pronto intervento e di assistenza alla popolazione di Naso.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
Seguici

Potrebbe interessarti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.