Evan Giulio Lo Piccolo ucciso di botte a 21 mesi

0

Ucciso di botte. Una fine atroce per il piccolo Evan Giulio Lo Piccolo, soltanto 21 mesi. Il piccolino è morto all’ospedale di Modica dopo violente percosse da parte del compagno della mamma e a causa del silenzio della stessa.

Ora Letizia Spatola e Salvatore Blanco sono agli arresti, l’accusa è a vario titolo, di maltrattamenti e omicidio in concorso.

Il piccolo Evan Giulio Lo Piccolo era arrivato in ospedale in gravi condizioni. Aveva ferite e lividi in tutto il corpo. I sanitari non hanno creduto alla tesi dei due indagati: impossibile che un piccolo di quella età possa procurarsi da solo simili ematomi. Gli agenti del commissariato di Modica, hanno avviato le indagini e scoperto una storia fatta di continue violenze da parte dell’uomo che non sopportava più i continui pianti del bimbo.

Gli inquirenti hanno acquisito giustificati elementi di colpevolezza a carico dei due conviventi per l’omicidio del piccolo Evan Giulio. Così ieri mattina, su disposizione della Procura della Repubblica di Siracusa, è stato fermato Salvatore Blanco, 32 anni,comoagno di Letizia Spatola, 23 anni di Rosolini, fermata poi ancheblei per concorso in omicidio.
Lui si trova ora rinchiuso nel penitenziario di Cavadonna, a Siracusa, mentre Letizia Spatola è stata condotta nel carcere di Messina.

Il corpicino del piccolo Evan Giulio, su disposizione del Pm, sarà sottoposto ad autopsia all’ospedale Paternò Arezzo di Ragusa.

I due indagati viveva in un alloggio popolare di Rosolini da cui viene fuori una storia di degrado sociale e drammaticità. Il piccolo, secondo gli investigatori, subiva maltrattamenti da tempo. Tra quelle mura domestiche si consumava un rito fatto di prepotenze, percosse e botte. Evan Giulio subiva ripetutamente violenza fisica dall’uomo che già in passato, e per altre vicende, era stato denunciato sempre per maltrattamenti in famiglia.

Già nelle scorse settimane il piccolo era stato portato all’ospedale di Noto a causa di una frattura che, secondo i familiari, si era procurato da solo.

Facebook Ricevi le nostre news su Facebook Metti mi Piace

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.