Tragedia al Pagliarelli, detenuto si suicida in cella

L'uomo si sarebbe tolto la vita impiccandosi

Emanuele Riggio è stato trovato senza vita nella sua cella. Detenuto nel carcere di Pagliarelli di Palermo, si sarebbe impiccato. L’uomo era coinvolto in un’inchiesta per stalking e maltrattamenti in famiglia ma adesso non sarà più processato a causa del suo gesto estremo.

Il suo fermo era avvenuto due mesi fa dopo una accusa percosse e minacce. Dopo continue liti con la moglie sarebbe stato allontanato dalla casa familiare.
Non accettando la decisione, sarebbe tornato spesso alla carica, insistendo pesantemente, soprattutto con la moglie.

A Riggio la Procura di Palermo ha contestato anche l’accusa di tentato omicidio della consorte che avrebbe cercato di soffocare con una corda. Il gip però non aveva ritenuto sufficienti le prove. Scattò però ordine di custodia in carcere per atti persecutori e maltrattamenti.

Sul caso di suicidio al Pagliarelli la Procura ha aperto un’inchiesta per appurare come si siano svolti i fatti.