Brucia l’auto del sindaco, arrestato a Gibellina

GIBELLINA – Ci sarebbe la mancata assegnazione di un alloggio popolare dietro all’incendio dell’auto del sindaco di Gibellina, piccolo centro in provincia di Trapani, Salvatore Sutera.

A scoprirlo sono stati i carabinieri della Compagnia di Castelvetrano che hanno arrestato un 42enne gibellinese, B.A., al termine di una indagine portata avanti dalla Procura di Sciacca. L’auto di Sutera fu incendiata nella notte tra il 3 e il 4 aprile mentre era parcheggiata davanti all’abitazione del sindaco di Gibellina. Il 42enne è stato rinchiuso nel carcere di Sciacca.

Il veicolo era parcheggiato davanti all’abitazione del primo cittadino. Le fiamme sono state domate dai vigili del fuoco. Le indagini per capire l’origine dell’incendio sono state eseguite dai carabinieri. Sutera, intanto, aveva ricevuto la solidarietà della sua giunta, del presidente del consiglio comunale e dell’intera assemblea cittadina.

LEGGI ANCHE  In 700 ballano senza mascherina, chiusa discoteca ad Alcamo

“Nella civile, colta e generosa Gibellina a nessuno e’ concesso assumere gesti di tale incivilta’, qui non puo’ e non deve assolutamente albergare la prepotenza e la violenza”, si legge in un documento diffuso dal Consiglio. “Interpretando il sentimento di tutta la comunita’ di Gibellina, ribadiamo la nostra solidarieta’ al sindaco Sutera e alla sua famiglia, confidando nell’azione delle forze dell’ordine che certamente renderanno giustizia al grave accadimento”, conclude il documento.