Donna percorre contromano per 10 km la Palermo-Mazara

Auto contromano per 10 km in autostrada: solo l'intervento della Polstrada evita la tragedia

Tragedia sfiorata sull’autostrada Palermo-Mazara del Vallo dove una donna ha percorso oltre 10 km contromano prima di essere fermata dalla Polizia Stradale.

Erano le prime luci dell’alba quando sulla A29 si è consumato il drammatico episodio che solo per un soffio non si è trasformato in tragedia. Una donna di 55 anni, al volante di una utilitaria, ha imboccato l’autostrada nella direzione sbagliata, percorrendo ben 10 km contromano prima di essere bloccata dagli agenti della Polstrada.

Diverse le chiamate giunte al 112 che segnalavano un’auto che procedeva nel senso di marcia opposto lungo la Palermo-Mazara del Vallo. Immediato l’intervento delle pattuglie che sono riuscite a raggiungere il veicolo contromano all’altezza del km 11+300, nella carreggiata in direzione Mazara-Palermo.

La conducente, apparentemente tranquilla nonostante la situazione di grave pericolo creata, è stata fermata e sottoposta agli accertamenti di rito. La donna non era sotto effetto di alcool o droghe. Gli agenti hanno appurato che si trattava di una lavoratrice che, dopo aver terminato il turno di notte, stava facendo rientro a casa e, probabilmente per un momento di distrazione, aveva imboccato l’autostrada nel senso sbagliato.

Un errore che sarebbe potuto costare carissimo, vista l’intensa circolazione di mezzi pesanti e vetture sul tratto autostradale in quell’ora del mattino. Solo il tempestivo intervento della Polizia Stradale ha permesso di scongiurare conseguenze ben più gravi.

La 55enne è stata multata per la grave infrazione del codice della strada commessa e l’auto sottoposta a sequestro amministrativo. Le forze dell’ordine lanciano un appello alla prudenza, invitando tutti gli automobilisti a prestare la massima attenzione quando si imbocca un’autostrada. Piccoli momenti di disattenzione possono trasformarsi in vere e proprie tragedie.

Continua a leggere le notizie di DirettaSicilia, segui la nostra pagina Facebook e iscriviti al nostro canale