Paura a Palermo per le “Vampe”, 10 auto distrutte e un carabiniere ferito

Il bilancio parla di un carabiniere ferito al volto, dieci auto danneggiate dalle fiamme, un vetro del tram distrutto e sassi contro i vigili del fuoco

Notte di Vampe di San Giuseppe a Palermo con danni e feriti. I quartieri Brancaccio, Kalsa, Albergheria, Cala, Oreto si sono accesi con la luce delle Vampe, antiche tradizioni popolari che oggi però diventano occasione di scontro tra chi le accende e le forze dell’ordine. Numerosi sono i danni provocati dalle Vampe tra auto in fiamme, palazzi anneriti e forze dell’ordine ferite.

Il bilancio parla di un carabiniere ferito al volto, dieci auto danneggiate dalle fiamme, un vetro del tram distrutto e sassi contro i vigili del fuoco. Di Vampe di San Giuseppe Carabinieri, polizia e vigili del fuoco ne hanno trovate in giro per la città oltre 50.

Alcune sono state rimosse altre sono state accese. In diversi casi ragazzini hanno lanciato contro le forze dell’ordine numerose pietre. Un sasso in via Bartolomeo Sirillo, nella zona di via Oreto, ha colpito al volto un carabiniere del radiomobile. Il militare è stato portato al Policlinico per essere medicato. In via Gerbasi, all’angolo con la via dei Benedettini, nei pressi del campus universitario una vampa ha danneggiato dieci auto parcheggiate.

Durante l’accensione di un’altra vampa in via Pecori Giraldi, qualcuno ha iniziato a lanciare pietre contro il Tram. Una ha mandato in frantumi un vetro. In diverse zone di Palermo, come in piazza Guadagna, i ragazzini per proteggere la catasta di legno dagli idranti dei pompieri hanno iniziato una fitto lancio di pietre. Alcuni sassi hanno danneggiato i mezzi di soccorso.

E un incendio alla Cala ha distrutto due palme, il fuoco è stato appiccato alle piante vicino al mercato ortofrutticolo, poco dopo piazza XIII vittime. Gli alberi si trovavano a pochi passi dal parcheggio Ztl e da alcune abitazioni. Le fiamme sono state domate dai vigili del fuoco. Nel quartiere Albergheria la vampa di San Giuseppe ha causato l’incendio di un furgone parcheggiato vicino al fuoco e di un cassonetto dei rifiuti, il tutto poco distante dall’Ospedale dei Bambini.

I commenti sono chiusi.