Via al concorso per 600 agenti del Corpo Forestale, c’è il sì dell’Ars

L'Assemblea regionale dà una copertura finanziaria adeguata a potenziare l’organico del Corpo Forestale

Via in Sicilia al Concorso per entrare nel Corpo Forestale. L’Assemblea regionale siciliana ha appena approvato la Legge in materia di funzionamento del Corpo forestale della Regione siciliana. Il voto finale di oggi in Aula dà una copertura finanziaria adeguata a potenziare l’organico del Corpo Forestale. Ne dà notizia Giusi Savarino a margine della seduta.

Via dunque al concorso pubblico che si prevede ricco di partecipanti. La Regione assumerà dapprima circa 46 agenti per poi assumerne via, via, circa 600 in cinque anni tra coloro che risulteranno in posizione utile in graduatoria.

Cordaro: «Parlamento ha dimostrato grande sensibilità»

“Esprimo la soddisfazione mia personale e quella del governo Musumeci per l’approvazione all’Ars della norma che finanzia l’assunzione di nuovi agenti all’interno del Corpo forestale attraverso apposite procedure concorsuali. Voglio ringraziare il Parlamento tutto per la sensibilità dimostrata in questa occasione». Lo ha detto l’assessore regionale al Territorio e ambiente, Toto Cordaro, commentando l’approvazione all’Assemblea regionale della norma che dà il via libera ai concorsi. Un risultato ottenuto con il voto favorevole di tutta la maggioranza e con l’astensione delle opposizioni. Saranno avviate adesso le procedure per l’inserimento dei primi 46 agenti forestali ma è previsto che, entro i prossimi 5 anni, il personale in ruolo salga a circa 600 unità.

“Sin da subito in IV Commissione, in sinergia con il Governo Musumeci, avevamo accolto gli accorati appelli del dirigente generale del Corpo Forestale della Regione siciliana, dott. Salerno, e assieme all’Assessore regionale per il territorio e l’ambiente, Cordaro, ci siamo impegnati per produrre tutti gli atti propedeutici e normativi necessari per mettere in condizione il Corpo Forestale di operare sul territorio in maniera appropriata, specie in un momento storico particolare in cui incendi e allagamenti impensieriscono, e non poco, tutti i siciliani”.

L’onorevole prosegue: “anche oggi, con il Governo Musumeci si apre la stagione dei concorsi: sono 600 i posti messi a bando, con immissione al ruolo entro 5 anni, con l’obiettivo d’incrementare l’organico del Corpo Forestale – che da anni soffre una notevole carenza di personale –, di garantire il ricambio generazionale e di offrire una possibilità occupazionale a tanti giovani. Una legge che restituisce dignità al Corpo Forestale e restituisce un Corpo Forestale pienamente efficace alla Regione Siciliana”.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
Seguici

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.