The news is by your side.

L’infarto e la morte di Vittoria Campo, la Procura dispone l’autopsia

Intanto la frazione di San Martino delle Scale ancora non riesce a darsi pace

0 19

È sta aperta un’inchiesta dalla Procura di Palermo in seguito alla morte di Vittoria Campo, la ragazza che abitava a Monreale, nella frazione di San Martino delle Scale, e morta ieri all’ospedale Ingrassia di Palermo per un sospetto arresto cardiaco. Ora sul caso indagano i Carabinieri.

Secondo le ultime ricostruzioni, la madre della giovane sarebbe tornata a casa in tarda serata e ha visto che figlia a letto. Pensava stesse dormendo. Poi si sarebbe accorta che la figlia stava male. Da qui la corsa in ospedale dove però i medici hanno dichiarato la morte. Un fulmine a ciel sereno per la famiglia, già colpita da un altro grave lutto lo scorso settembre quando venne trovato privo di vita Alessandro, fratello di Vittoria.

Sono state eseguiti alcuni esami sul corpo della ragazza ed è intervenuto il medico legale. Dopo l’esame la procura di Palermo ha disposto l’autopsia. Il corpo della ragazza sarà trasportato all’istituto di medicina legale dell’ospedale Policlinico per eseguire l’esame e accertare le cause della morte.

Intanto la frazione di San Martino delle Scale ancora non riesce a darsi pace. La giovane, una sportiva, una calciatrice, ieri si è sentita male. È iniziata così la corsa verso l’ospedale dove però è morta nonostante i tentativi dei medici dell’ospedale Ingrassia. Vittoria era una sportiva e nessuno sa dare un perché a quello che è successo. Gli amici non hanno più lacrime per piangere la giovane.

Anche l’ASD Palermo Femminile ha voluto ricordare la collega prematuramente scomparsa. “Nessuna parola potrà mai rappresentare il dolore e lo sgomento per la prematura perdita di una giovane donna e calciatrice – si legge sulla pagina -. Il pensiero della Società va ai Genitori che devono convivere con questo nuovo e incommensurabile dolore. Vittoria sei e rimarrai sempre nei nostri cuori. Grazie per le emozioni che ci hai regalato”.

Rispondi