Ci sono i numeri in Sicilia, la zona bianca è vicina

Il dato positivo è che i ricoveri in area medica sono tornati a scendere

La zona bianca in Sicilia è vicina. Lo dicono i numeri nonostante ieri i contagi in Sicilia siano lievemente aumentati rispetto al giorno precedente.

Il dato positivo è che i ricoveri in area medica sono tornati a scendere dopo un giorno di aumento. Al momento ci sono 409 pazienti positivi, 27 in meno. In Terapia intensiva i ricoverati sono 49, uno in meno. Dieci le vittime ieri.

Secondo il rapporto dell’ufficio Statistica del Comune di Palermo, dal 30 dicembre 2020 al 21 settembre di quest’anno ci sono stati 700 morti in più rispetto alla media degli ultimi cinque anni, con un aumento del 15 per cento che può imputarsi proprio alla pandemia.

Con questi numeri l’Isola, che seconda in Italia per contagi giornalieri, si appresta a cambiare colore. Gli indici d’ospedalizzazione nei reparti ordinari e in Rianimazione sono tornati già da oltre due settimane sotto le soglie critiche.

Così il cambio di colore, dalla zona gialla alla zona bianca potrebbe scattare in antico, sabato anziché lunedì 11 ottobre. La decisione sarà presa venerdì dopo la cabina di regia dell’ISS, alla quale seguirà l’ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza.

Intanto domani a Palermo la conferenza stampa per presentare nuovo bollettino settimanale. Si terrà domani (giovedì 7 ottobre), alle 11.30 a Palazzo Orléans, la conferenza stampa di presentazione del “Bollettino settimanale sui dati epidemiologici e vaccinali” nell’ambito delle attività di sorveglianza dell’epidemia Covid-19 in Sicilia. All’incontro con i giornalisti, che servirà anche a fare il punto sulla situazione epidemiologica e della campagna vaccinale, interverranno l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, il dirigente generale del Dasoe Francesco Bevere e i dirigenti dello stesso dipartimento.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
Seguici

Potrebbe interessarti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.