Terremoto all’alba, paura e gente in strada a Cefalù, “Ho sentito l’armadio ballare”

Risveglio travagliato per molti residenti e turisti che si sono riversati nelle hall delle strutture alberghiere a Cefalù

0

Il terremoto di questa mattina nel Palermitano è stato avvertito all’interno di una grande area della provincia. Le scossa ha avuto intensità maggiore nella zona attorno a Cefalù e ha provocato qualche attimo di paura. Sono numerose le segnalazioni sui social che parlano di lampadari tremolanti, armadi che ballano e utensili spostati. L’evento sismico si è verificato all’alba sulla costa settentrionale siciliana quando erano le 6.04.

Gente riversata in strada a Cefalù

Risveglio travagliato per molti residenti e turisti che si sono riversati nelle hall delle strutture alberghiere a Cefalù. Poi tutti sono poi rientrati tranquillamente nelle camere. “In camera da letto ho sentito l’armadio ballare”, dice il sindaco di Cefalù Rosario Lapunzina, che dopo alcune telefonate di controllo si è rassicurato.

Terremoto superficiale

L’evento tellurico ha avuto magnitudo 4.3. Inizialmente si parlava di magnitudo 4.8 ma la Sala sismica ha corretto il dato che è stato stimato grazia all’analisi delle varie stazioni disseminate nel territorio. L’ipocentro è stato localizzato a 6 chilometri. A seguire sono state registrate altre due piccole scosse nello stesso distretto sismico.

La scossa avvertita anche a Palermo e Monreale

La scossa di terremoto è stata percepita nella sua intensità soprattutto a Campofelice di Roccella, Lascari e Gratteri. Ma segnalazioni sono arrivate da diversi centri delle Madonie (Isnello, Pollina e Castelbuono) e dai paesi vicini come Tusa sul versante orientale e Termini Imerese su quello occidentale. Le onde sismiche sono arrivate anche a Palermo e nella zona di Monreale, anche se con meno intensità.

Facebook Ricevi le nostre news su Facebook Metti mi Piace

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.