Olimpiadi Tokyo 2020: la formazione sicula, tra chi ha già gareggiato e chi ancora dobbiamo vedere

0

Le Olimpiadi di Tokyo 2020 sono iniziate. E se la Sicilia ha già vinto il suo premio, come uno dei luoghi più belli del mondo 2021 secondo il Time Magazine, come vi abbiamo raccontato in https://www.direttasicilia.it/2021/07/25/la-sicilia-e-tra-i-luoghi-piu-belli-del-mondo-secondo-il-time/, ora punta a rientrare tra le regioni d’Italia con più medaglie olimpiche.

Sono ben 18 gli atleti siculi ai giochi di Tokyo. Ecco chi sono e la loro situazione in questa Olimpiade minacciata ancora dal Covid.

Tra le discipline con più rappresentati siciliani troviamo la scherma, con 6 atleti e l’atletica con 5. Il capoluogo più rappresentato è Catania (più province), con ben 7 atleti su 18.

Per tutti ci sono grandi speranze e grande aspettative. In particolare però, per Daniele Garozzo il sogno è quello di duplicare l’impresa di Rio, aggiudicandosi l’oro nella scherma. Il fiorettista di Acireale è già sceso in pedana ed è approdato ai quarti di finale, superando il giapponese Kyosuke Matsuyama. Adesso ad attenderlo c’è il francese Enzo Lefort. Daniele non è l’unico rappresentante della famiglia Garozzo alle Olimpiadi. C’è anche il fratello Enrico, specialità spade, e anch’esso con una medaglia al collo: argento a squadre a Rio. Purtroppo per Enrico, l’avventura individuale si è già conclusa, con una sconfitta da parte del giapponese Koki Kano, quindi si punta ora alla gara a squadre. Amara sorte è toccata anche all’altro spadaccino siculo, Marco Fichera, battuto dal kazako Ruslan Kurbanov.

La scherma siciliana è forse una delle più illustri e a darne conferma, ci sono 2 veterani del gruppo: Giorgio Avola e Rossella Fiamingo. Per entrambi si tratta della terza Olimpiade. Il fiorettista di Modica, farà parte della squadra che punta all’oro olimpico, cercando di replicare l’exploit di Londra 2012. La Fiamingo invece, è uscita in lacrime dalla pedana dopo la sconfitta con l’estone Kathrina Lehis e ora attende il riscatto nella prova a squadre. Squadra, della quale farà parte anche Alberta Santuccio, catanese, classe ’94, alla sua prima esperienza ai giochi dai 5 cerchi.

In queste Olimpiadi 2020 ci sarà un’altra coppia di fratelli a rappresentare la Sicilia. Si tratta di Ala e Osama Zoghlami di Valderice, ma di origine tunisina, con la loro specialità nei 3000 siepi. Arrivano entrambi in perfetta forma dopo le ultime gare stagionali. Sui giovani sui quali puntare per una medaglia, troviamo anche Filippo Randazzo per il salto in lungo. L’atleta nato a Caltagirone, ha raggiunto recentemente la lunghezza di 8,12m e speriamo possa replicare le buonissime performance anche in questa gara.

Nelle staffette faranno parte anche Alice Mangione e Giuseppe Leonardi. La prima correrà la 4×400 mista, mentre il catanese farà parte della squadra maschile che dovrà competere con i colossi di Usa e Giamaica.

Bisognerà aspettare il 6 agosto per vedere sul tatami, Luigi Busà. Originario di Avola, specializzato nel kumite, ha dovuto attendere che la sua disciplina fosse inserita anche nei giochi olimpici e a Tokyo avrà la sua occasione per ribadire le sue qualità, dopo i tantissimi successi a livello mondiale (oro a Tampere 2006 e Parigi 2012).

Purtroppo, l’avventura per il trapanese Alessandro Mazzara è iniziata nei peggiori dei modi: rottura del gomito 10 giorni prima della sua prima gara olimpica di skateboard, una delle neodiscipline. Per il 17enne ci sarà modo di rifarsi tra 4 anni nel park, dove si è affermato già nella scena internazionale.

Il siracusano Samuele Burgo, in coppia Luca Beccaro, mira dritto al podio per la gara K2 1000 metri di canoa. Stesso obiettivo per lo Squalo, Vincenzo Nibali che vuole la sua rivincita in sella alla sua bici, dopo la caduta a Rio a un passo dalla medaglia. Al suo fianco ci sarà anche il ragusano Damiano Caruso. Alla sua seconda Olimpiade, c’è Miriam Sylla, la schiacciatrice di Palermo che con il team femminile di volley punta il più in alto possibile.

Chi in alto c’è già arrivato è Nino Pizzolato, vincendo uno storico bronzo nel sollevamento pesi. E se vuoi provare anche tu il brivido dei giochi e della sfida, su https://www.casinos.it/, troverai il meglio delle slot a tema sportivo come Red Dragon sul karate, o Scudamore’s sulle corse dei cavalli. Iscriversi è facilissimo e sicuro, grazie alle licenze ADM, e potrai decidere se giocare in modalità demo oppure con soldi reali, per sfidare la sorte e aumentare il tuo budget.

Un divertimento a portata di tutti, tra una gara olimpica e l’altra, in attesa di nuove medaglie dai nostri atleti.

Facebook Ricevi le nostre news su Facebook Metti mi Piace

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.