Home Cronaca Inferno a Gangi e Balestrate, case evacuate e distruzione

Inferno a Gangi e Balestrate, case evacuate e distruzione

0

I Vigili del fuoco e il Corpo Forestale della Regione Siciliana sono impegnati da questa mattina per fronteggiare gli oltre 40 incendi di boschi e macchia mediterranea.

Le fiamme alimentate dalle alte temperature e dal forte vento stanno interessando gran parte della provincia. I Comuni maggiormente interessati sono Partinico, Balestrate, Bagheria, Termini Imerese, Gangi.

Oltre alle squadre di terra, alcune delle quali sono a protezione delle abitazioni, stanno operando anche i mezzi aerei della flotta del Corpo Nazionale.

“E’ un disastro. Quello che sta succedendo a Gangi non si era mai visto. Sono andati in fumo aziende, fienili, case. Per ore avevamo un ragazzo disperso”, queste le parole del sindaco di Gangi,che aggiunge: “E’ drammatico quello che sta succedendo in queste ore nel mio territorio. E dobbiamo sempre registrare un colpevole ritardo nell’arrivo dei mezzi aerei”.

Un grosso incendio anche tra Balestrate e Alcamo Marina sta tenendo impegnati i soccorritori. “Giornata infernale”, dice il sindaco di Balestrate Vito Rizzo. A Balestrate l’incendio è divampato in contrada Sicciarotta.

Incendi anche a Campofiorito in contrada Bosco Parrino e nel monrealese in contro Agrifoglio e Aglisotto.

I vigili del fuoco e i forestali sono impegnati anche a Montelepre e Belmonte Mezzagno. Al momento tutte le squadre in servizio sono impegnate sui vari fronti.

Intanto per quanto riguarda il rischio di incendi previsto per domani, nella provincia di Palermo permane la previsione di pericolosità alta e un livello di “attenzione” (colore rosso). Stessa previsione per le province di Catania, Enna, Messina e Siracusa.

Articolo precedenteTornano le zone rosse in Sicilia, il parere del Cts
Articolo successivoLa Sicilia distrutta dai piromani, bruciano il Palermitano, le Madonie, Lipari e Pantelleria

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui