Morto sul lavoro a 42 anni, Belmonte Mezzagno piange Vincenzo Ribaudo

Sono stati celebrati i funerali di Vincenzo Ribaudo

0

Belmonte Mezzagno piange Vincenzo Ribaudo nel giorno del funerale. L’uomo lascia moglie e figli dopo essere morto al primo giorno di lavoro. La tragedia si è consumata nel cantiere al ristorante la Sirenetta di Mondello.

Sono stati celebrati i funerali di Vincenzo Ribaudo. Una tragedia che ha portato via un marito e un padre di due bambine. L’uomo, 42 anni, viveva a Belmonte Mezzagno, nel Palermitano.

Davanti la chiesa, una folla di persone ha deciso di riunirsi per salutare Vincenzo per l’ultima volta. Tanta la commozione, così come le lacrime e la tristezza. Il 42enne, tra l’altro, era al suo primo giorno di lavoro.
Diverse centinaia di belmontesi hanno partecipato all’estremo saluto. Un messaggio campeggia in città “Ancora una volta, rinnoviamo le nostre più sincere condoglianze, a Dorotea, alle bambine e a tutti i familiari, per il loro momento di dolore! Belmonte Mezzagno vi è vicino con il cuore”.

Sul corpo della vittima, è stata eseguita l’autopsia per cercare di risalire alle cause della morte. La Procura della Repubblica ha aperto un fascicolo d’inchiesta. A chiarire le cause della morte,però, saranno gli esami istologici che saranno eseguiti nei prossimi mesi. Da chiarire se Ribaudo sia caduto per un malore o per evento traumatico.

Sono cinque al momento le persone iscritte sul registro degli indagati. Le indagini sono condotte dagli agenti del commissariato

Facebook Ricevi le nostre news su Facebook Metti mi Piace

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.