Tragedia a Carini, Gabriele Conigliaro muore a 12 anni schiacciato da una porta

Stava giocando con alcuni coetanei a calcio

Gli frana una porta di calcio addosso, muore a Carini un ragazzo di 12 anni. Gabriele Conigliaro, è morto questo pomeriggio a Carini all’interno di un campetto sportivo nelle vicinanze di

Stava giocando con alcuni coetanei a calcio quando, secondo le prime indiscrezioni, una delle porte gli sarebbe franata addosso. Il drammatico incidente si è verificato nel parco Sofia. Secondo una prima ricostruzione il ragazzo di 12 anni avrebbe scavalcato il cancello e avrebbe iniziato a giocare. Poi forse si sarebbe aggrappato alla porta che lo avrebbe travolto. Sono in corso i rilievi dei carabinieri. Nei pressi del campo ci sono i familiari e gli amici.

Si sta cercando di ricostruire quanto avvenuto anche con il racconto dei compagni di gioco. Sono intervenuti i sanitari del 118 che hanno cercato di rianimare il ragazzo in tutti i modi senza riuscirci. Il palo gli ha provocato gravi lesioni in testa.

“Non si può morire così – ha detto il fratello Daniele Conigliaro – Mio fratello era venuto a giocare a pallone. Non si può morire in questo modo. Mio fratello non c’è più”.Il telaio lo ha colpito in pieno sulla nucaIl pesante telaio gli è caduto con violenza in testa ed il dodicenne è caduto tramortito al suolo. Per lui non c’è stato nulla da fare nonostante i soccorsi siano giunti sul posto tempestivamente.

I carabinieri stanno effettuando i rilievi per cercare di capire l’esatta dinamica di quanto accaduto. Al vaglio le testimonianze di altri ragazzini che hanno assistito alla tragedia.

SEGUICI SU FACEBOOK
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.