A Monreale sorge un nuovo Lidl, verso il sì del Consiglio comunale

Il 18 maggio i consiglieri comunali saranno chiamati a votare la variante al Piano regolatore

A Monreale si fa sempre più concreto il progetto di costruzione di un nuovo centro Lidl in Circonvallazione. Sembra che la protesta dei commercianti avviata nei giorni scorsi non abbia mosso le coscienze della politica locale, anzi, pare che la proposta possa essere approvata in Consiglio comunale con una larga maggioranza. Lo riporta MonrealeLive. 

Il centro Lidl monrealese, secondo ambienti politici, vedrà la luce. Il 18 maggio i consiglieri comunali saranno chiamati a votare la variante al Piano regolatore, necessaria per l’avvio del progetto di costruzione dello store. Il mega negozio sorgerà al posto di un fabbricato abbandonato in corso di costruzione lungo la Circonvallazione. Il progetto coinvolge un’area di oltre 7mila metri e sarà necessario un cambio di destinazione d’uso del terreno su cui sorgerà il centro.

LEGGI ANCHE
A Ustica oltre 27mila tustisti in estate, boom del turismo lento e green

Come detto, è dato quasi per certo l’ok del Consiglio comunale, salvo sorprese dell’ultima ora ovviamente.

Lidl Italia ha già stipulato il preliminare di vendita di alcune particelle che si trovano lungo la Circonvallazione monrealese, chiedendo all’amministrazione comunale d’istituire una variante urbanistica puntuale in una zona ricadente in zona VL (villeggiatura). Operazione possibile grazie alla realizzazione di nuovi parcheggi, aree verdi e all’ampliamento della rete di smaltimento delle acque.

LEGGI ANCHE
Riaperti ristoranti e bar in zona arancione, ordinanza di Musumeci

A nulla servirà la petizione lanciata da diversi esercenti monrealesi. Il rischio paventato è di vedere andare in fumo le proprie attività a causa della concorrenza del colosso tedesco, che offre prodotti a prezzi bassi grazie ad accordi commerciali vantaggiosi. Lo stesso non possono fare i piccoli negozianti monrealesi che si sono detti preoccupati per un futuro già incerto a causa della grave crisi economica.

Facebook Ricevi le nostre news su Facebook Metti mi Piace

I commenti sono chiusi.