Sicilia zona rossa fino al 3 maggio, Musumeci preoccupato

«A Palermo ci vuole un lockdown come quello di marzo», dice il Cts regionale

1

Sicilia zona rossa fino al 3 maggio. Il rischio è concreto visto l’andamento dei report. Il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci è preoccupato per i numeri che non vogliono scendere, anzi, aumentano ancora. Così dopo Palermo, la provincia e i numerosi comuni siciliani, tutta l’isola potrebbe colorarsi di rosso.

Atteso il cambio dei colori dal Ministero

Si attende per domani il report nazionale della situazione epidemiologica, che delinea la mappa dei colori delle regioni. L’Italia va verso numerose zone arancioni che potrebbero diventare gialle gia durante la prossima settimana. La Sicilia è una delle regioni in controtendenza e per beneficiare di qualche riapertura dovrà attendere il 3 maggio.

Numeri dei contagi e dei ricoveri in aumento

Sono i numeri che preoccupano, ieri 1.542, e i ricoveri in ospedale che stanno assumendo proporzioni importanti. Gli arrivi in ospedale sono sempre oiu numerosi anche se al momento il sistema regge.

«Quello che abbiamo registrato in provincia di Palermo vale anche per il resto dell’Isola: abbiamo un Rt di 1,22, il massimo è 1,25. Se la situazione nel Palermitano dovesse replicarsi in almeno due o tre province della Sicilia, sarem-
mo costretti a chiudere», dice Musumeci.

Al momento il Comitato tecnico-scientifico regionale resta cauto. «Stando ai nuovi contagi regionali non prevediamo un calo dei ricoveri nei prossimi dieci giorni, di certo non ci sarà un liberi tutti per andare a fare la scampagnata del 25 aprile».

Zona rossa blanda

Intanto c’è chi invoca un lockdown rigoroso. «A Palermo ci vuole un lockdown come quello di marzo», dicono dal Cts regionale. Secondo gli esperti, le misure della zona rossa attuale, non funzionerebbero. La zona rossa, infatti, sarebbe ormai percepita come una zona arancione. Troppi in giro e pochi controlli fanno sì che la zona rossa diventi appannaggio di pochi. Intanto oggi arriverà il dato dell’incidenza settimanale.

Facebook Ricevi le nostre news su Facebook Metti mi Piace

1 Commento
  1. Marcello dice

    I rapporti covid non sono attendibili poiché lanregione ha manipolato i dati dunque falsificato i numeri per non far ricadere Palermo in zona rossa. State usando i dati falsificati al fine di far cadere tutta l’isola in zona rossa, usando i dati falsificati dalla regione.
    Usare quei dati per “riciclare” i numeri dei contagi e fare quindi alzare l’indice RT, è una truffa hella che buona, sia dagli istituti sanitari che comunicano con la regione che per i cittadini che subiranno la zona rossa senza giustificato motivo (esenti da autopsia e se eseguiti basta usare il referto del tampone per attribuire la morte del paziente al covid se pur affetto da altre 50 patologie prefresse).

    Ribadisco che i tamponi non sono attendibili ai fini diagnostici in caso di decesso, poiché la sola autopsia garantisce la veridicità dello stesso.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.