Matrimoni 2021 verso la ripartenza, c’è la data del 20 aprile

Matrimoni 2021 verso la ripartenza dal 20 aprile, lo dice il Ministro Gelmini agli Stati generali dei matrimoni, attesa per decreto matrimoni

I matrimoni 2021 potrebbero riprendere già da maggio e il piano per la ripartenza del settore wedding dovrebbe essere pronto già il 20 aprile. Lo ha confermato il Ministro Maria Stella Gelmini durante gli Stati Generali del Settore Matrimoni. Mentre l’Italia cerca di uscire dall’emergenza, il settore dei matrimoni è in forte fermento e da Nord a Sud proseguono le proteste di ristoratori, commercianti, professionisti. Ora il Governo mostra una prima apertura.

Il 20 aprile possibile ripresa dei matrimoni 2021

Ecco le parole del Ministro che lasciano ben sperare non solo i professionisti dei matrimoni ma anche le coppie in attesa di sapere se e quando i matrimoni potranno ripartire. “Aperture ci saranno, soprattutto da maggio, forse qualcosa già dal 20 di aprile si potrà riaprire”. Questa l’ipotesi messa in campo dalla componente del Governo Draghi che è Ministro per gli Affari regionali e le autonomie. Le sue parole pronunciate durante gli Stati generali del settore Matrimoni ed eventi privati organizzato da Unanime, hanno dato una botta di ottimismo.

Allo studio i protocolli per la ripartenza

Le coppie dunque possono iniziare a pianificare i matrimoni? Dal 20 aprile è chiaro, almeno secondo le parole della Gelmini, che qualcosa inizierà a muoversi. Resta da capire ancora quali protocolli si dovranno seguire per consentire cerimonie in sicurezza per sposi e invitati ma anche per i lavoratori. Un protocollo per la ripartenza dei matrimoni 2021 era stato già presentato al Governo Conte e al governo regionale della Sicilia.

Matrimoni 2021 quindi verso la ripartenza

Un’attesa che dura da un anno. A parte la piccola finestra luglio-settebre, sono migliaia le nozze rinviate al 2021. Anche le coppie che avevano pianificato i matrimoni a fine 2020 hanno dovuto pianificare il loro giorno più bello. Il comparto del wedding è in forte crisi e la ripartenza non sembra essere più rinviabile. Lo conferma anche il Ministro Gelmini. “Tutto il comparto legato al wedding e agli eventi ha subito danni ingenti. Come Governo stiamo ragionando a un piano di risorse cospicue per alleviare il calo di fatturato da affiancare a un sostegno alla vostra attività che per forza di cose dovranno cambiare in quelle che sono le modalità di organizzazione e potrebbero avere delle difficoltà”. Lo ha aggiunto il Ministro per gli Affari regionali, Mariastella Gelmini nel corso del suo intervento agli Stati Generali del settore Matrimoni ed Eventi.

Matrimoni 2021 con distanziamenti e protocolli

matrimoni 2021La data della ripartenza dei matrimoni 2021 segnata sull’agenda del Governo è il 20 aprile. A maggio quindi, i matrimoni potrebbero riprendere. La sicurezza però la darà il decreto del governo, atteso proprio tra il 15 e il 20 aprile. “Il vostro settore – ha aggiunto la ministra – potrà ripartire già intorno al 20 aprile, tuttavia è evidente che si tratta di un settore che subirà dei cambiamenti. Gli eventi andranno organizzati con gli opportuni distanziamenti e precauzioni, auspico quindi la creazione di un tavolo tecnico per capire come distribuire le risorse – stanziate nel prossimo scostamento di bilancio – e come affiancarvi in questi cambiamenti anche dal punto di vista tecnico”.

Un settore che spinge l’economia

La ripartenza della celebrazione delle nozze è senza dubbio auspicabile anche per risollevare l’economia del Paese. Si pensi che il settore conta oltre 50mila operatori economici e più di 300mila persone impiegate stabilmente, per un giro d’affari che nel 2019 ha raggiunto circa 60 miliardi di euro. Dall’inizio dell’emergenza però ha toccato una perdita di oltre 90% del fatturato. La ripartenza non sembra più essere rinviabile. Il grido di allarme viene fuori dagli Stati generali del settore Matrimoni ed eventi privati organizzato da Unanime, confederazione che raccoglie le associazioni della filiera.

La proposta di Confesercenti

Sono migliaia le coppie siciliane in attesa di sapere se nel 2021 potranno sposarsi o no.  Mentre le associazioni presentano ai governi nazionale e regionali  i protocolli per la ripartenza dei matrimoni 2021, sono tantissimi i professionisti con l’acqua alla gola. L’idea principale è quella di sottoporre a tampone salivare tutti gli invitati al matrimonio per far sì che si possano garantire livelli elevati di sicurezza. Una proposta che sarà valutata dal Governo appena formato. L’obiettivo, e l’auspicio delle coppie e dei professionisti del settore, è consentire al settore matrimoni di ripartire da aprile. Un auspicio di cui si parla già da settimane.

Le ipotesi di tampone per sposi e invitati

Nelle scorse settimane un protocollo presentato alla Camera da Luigi Auletta, responsabile settore wedding ed eventi di Confesercenti Campania, prevedeva il doppio tampone salivare. Si tratta di un test non invasivo, con alta percentuale di affidabilità (il 97%). Il primo test dovrebbe essere eseguito solo sugli sposi e le famiglie. Il secondo a 48 ore dall’evento su sposi, famiglie e invitati. La proposta di Confesercenti – un documento di 23 pagine – è stata recepita da alcuni deputati. L’obiettivo, ha spiegato Auletta, è ripartire “tutelando gli sposi, tutti gli invitati e gli operatori stessi del settore wedding nella massima attenzione”.

Matrimoni in sicurezza

Il protocollo per la ripartenza dei matrimoni prevede anche diversi accorgimenti per garantire alti livelli di sicurezza. Da una procedura di triage per accedere alla struttura a una procedura per valutare il livello di rischio di chi partecipa alle nozze. Prevista anche una valutazione da parte di esperti sulla definizione del rischio di contagio. Insomma, si tratta di un protocollo serio, che sarà valutato attentamente dal Governo. I matrimoni 2021 quindi si avviano alla ripartenza dal 20 aprile, c’è la speranza ma resta l’attesa del decreto del Governo.

Facebook Ricevi le nostre news su Facebook Metti mi Piace

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.