Riaperture dal 20 aprile possibili, il Governo avvia il dibattito

In pressing c'è la lega di Matteo Salvini sul Governo ma ci sono anche le regioni che si fanno portavoce delle richieste dei cittadini.

Riaperture dal 20 aprile? Possibili ma saranno i bollettini ad avere l’ultima parola. Nel Governo, intanto, inizia il dibattito quando la curva, almeno secondo gli esperti, ha già superato il suo picco. In ballo ci sono tante aspettative. In primis quelle de lavoratori del settore alberghiero, del turismo, della ristorazione e del settore matrimoni, tutti in attesa di conoscere il proprio futuro.

Il pressing della politica e degli imprenditori

In pressing c’è la lega di Matteo Salvini sul Governo ma ci sono anche le regioni che si fanno portavoce delle richieste dei cittadini. I Governatori, la maggior parte, vogliono programmare subito un calendario delle riaperture. La piazza, inoltre, grida a gran voce la volontà di ripartire. Emblematica la protesta di oggi a Catania.

Le richieste

Bar, ristoranti, palestre, teatri e cinema, sale trattenimento, fotografi,  continuano da giorni a chiedere al Governo riaperture che, secondo gli esperti potranno avvenire solo a determinate condizioni. I numeri al momento sconsigliano allentamenti a breve perché questi saranno possibili – secondo gli esperti dell’Iss – solo quando i contagi saranno scesi a 5-6mila al giorno. A contare poi sarà oltre alla minore pressione sugli ospedali e la percentuale di vaccinati. per questo il Governo punta a immunizzare ad aprile gli over 70 almeno con una dose e i restanti over 80.

Tema delle riaperture sostenuto dalle Regioni

Il tema delle riaperture prima del 30 aprile, quando scadrà il decreto legge che colorerà per tutto il mese l’Italia solo di rosso o di arancione, resta comunque sul tavolo del Governo. I presidenti di Regione chiedono rassicurazioni e un programma con date certe. La prima data a cui si guarda è quella del 20 aprile. Il confronto sarà sul tavolo della cabina di regia sul Covid del Governo la prossima settimana. Ma l’ultima parola ancora una volta l’avrà il virus. Solo se comincerà davvero ad abbassare la testa nei prossimi giorni si potrà cominciare a ragionare di riaperture.

Ricevi tutte le news

SEGUI DIRETTA SICILIA SU GOOGLE NEWS

SEGUICI SU FACEBOOK
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.