Omicidio Ana Di Piazza a Partinico, ergastolo per Antonino Borgia

Questa mattina è stata emessa la sentenza dai giudici dalla Corte d’Assise di Palermo

Fu un efferato omicidio quello di Ana Di Piazza. Uccise l’amante incinta, ora arriva l’ergastolo per l’imprenditore Antonino Borgia

L’uomo il 22 novembre del 2019, con dieci coltellate uccise Ana Maria Lacramioara Di Piazza, la giovane donna incinta a cui era legato sentimentalmente. Questa mattina è stata emessa la sentenza dai giudici dalla Corte d’Assise di Palermo.

Ana Maria 30 anni, di origine romena, ma residente da anni a Giardinello, fu inseguita per strada e poi accoltellato da Borgia.

Uomo era accusato di omicidio volontario, premeditato e aggravato dai futili motivi e di occultamento di cadavere. All’imprenditore è stato contestato anche il procurato aborto.

L’assassino, reo confesso, ha raccontato agli investigatori che la vittima lo ricattava e gli aveva chiesto soldi per non rovelarealla moglie di aspettare un bambino da lui. Una versione che non ha mai convinto gli inquirenti. Il giorno del delitto i due hanno litigato e Borgia ha assassinato la giovane.

La madre di Ana Maria e il figlio di 11 anni erano parte civile nel processo.

Ricevi tutte le news

SEGUI DIRETTA SICILIA SU GOOGLE NEWS

SEGUICI SU FACEBOOK
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.