Maxi focolaio in RSA e 100 casi, altro Comune a rischio Zona Rossa in Sicilia

Un maxi focolaio di Coronavirus si è sviluppato dentro una Rsa di Campobello di Licata e grande è la preoccupazione per anziani ospiti e operatori.

“S’è sviluppato un focolaio in una delle case di riposo. Non abbiamo ancora i dati definitivi trasmessi dall’Asp e si aspettano gli esiti de-gli ultimi tamponi, ma si tratta di 50 positivi che, complessivamente, portano il numero totale dei casi a Campobello di Licata ad oltre 100”. A dirlo è il sindaco Gianni Picone. Il primo cittadino non ha nasconde la sua preoccupazione.

Al momento i positivi stanno tutti bene, ha fatto sapere il sindaco. “Vedremo nei prossimi giorni come evolverà la situazione. Oggi (ieri, ndr) — ha aggiunto il sindaco di Campobello di Licata – abbiamo però anche l’incoraggiante dato su un’altra casa di riposo dove tutti i tamponi effettuati sono risultati negativi e questo ci rincuora”.

Il comune in provincia di Agrigento potrebbe essere dichiarato Zona rossa dal Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci. “Attendiamo di sapere, naturalmente, -ha concluso il sindaco Picone – se Campobello di Licata sarà dichiarata “zona rossa”. Abbiamo inviato all’assessorato regionale alla Salute la richiesta per tamponi in numero sufficiente a fare lo screening a tutta la popolazione e contiamo di ripristinare in brevissimo tempo, il centro operativo comunale già attivato durante la prima fase dell’epidemia”.

Ricevi tutte le news

SEGUI DIRETTA SICILIA SU GOOGLE NEWS

SEGUICI SU FACEBOOK