Cronacain evidenza

Covid-19, 1.870 nuovi positivi in Sicilia, 40 persone morte da ieri

Intanto prosegue a ritmi serrati la campagna di screening di massa in Sicilia

Quaranta persone sono morte in Sicilia nel giro di 24 ore. Lo dice il bollettino quotidiano del Ministero della Salute sulla situazione dell’epidemia da Covid-19 in Sicilia. Dati ancora in crescita, giustificati dai tantissimi tamponi che si stanno eseguendo in tutta l’Isola sulla popolazione scolastica.

Ecco i dati del bollettino di oggi

1.871 sono i nuovi positivi al Covid19 registrati in Sicilia nel giro di 24 ore. Sono 11.470 tamponi processati. Sono 40 le persone decedute in un sol giorno per Covid19. Salgono a 33.581 gli attuali positivi siciliani con un incremento di 1.479. Di questi 1.772 sono i ricoverati con un incremento solo di 4 rispetto a ieri: 1.532 in regime ordinario (4 in più) mentre restano 240 in terapia intensiva senza variazioni. In isolamento domiciliare sono 31.809. I guariti sono 352.

LEGGI ANCHE  Covid-19, a Partinico 4 casi: donna in ospedale dopo cerimonia religiosa

I nuovi positivi per provincia

I nuovi positivi sono così distribuiti per province: Palermo 512, Catania 441, Messina 264, Ragusa 192, Trapani 166.Agrigento 84, Siracusa 77, Caltanissetta 74, Enna 61.

Screening di massa in 50 citta siciliane

Prosegue a ritmi serrati la campagna di screening di massa in Sicilia. Ad essere al momento sotto la lente d’ingrandimento è il mondo della scuola. A partire da oggi e fino al 23 novembre sarà infatti possibile fare i tamponi rapidi nei drive-in che sono stati allestiti in 50 Comuni dell’Isola.  Alunni, professori, ata e collaboratori scolastici, potranno eseguire gratis il tampone rapido. Per prenotarsi basta collegarsi al sito siciliacoronavirus.it.

Chi risulterà positivo, sarà sottoposto a tampone molecolare. Si tratta dell’iniziativa del governo Musumeci è realizzata in collaborazione con Anci Sicilia e le amministrazioni locali e con il supporto della Protezione civile regionale e dei volontari.

LEGGI ANCHE  Prendono il reddito di cittadinanza ma vogliono lavorare: «In cambio puliamo piazza Kalza»

I drive-in saranno operativi nelle seguenti città: Licata e Grotte, in provincia di Agrigento; Caltanissetta, Gela, Niscemi, Delia, Mussomeli, Riesi, Mazzarino e Sommatino, nel Nisseno; Enna bassa e Nicosia, in provincia di Enna; Cefalù e Campofelice di Roccella, nel Palermitano; Ragusa, Comiso, Ispica, Modica, Pozzallo, Scicli, Vittoria, Acate, Chiaramonte Gulfi, Giarratana, Monterosso Almo e Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa; Siracusa, Rosolini, Carlentini, Noto, Avola, Pachino/Portopalo, Lentini e Francofonte, nel Siracusano; Trapani, Alcamo, Campobello di Mazara, Castelvetrano, Erice, Marsala, Mazara del Vallo, Partanna, Salemi, Paceco, Castellammare del Golfo, Custonaci e Valderice, in provincia di Trapani.

A Palermo e Catania proseguono, inoltre, i test eseguiti direttamente nelle scuole e in particolare nel capoluogo siciliano continuerà a essere attivo il drive-in. Seguiranno aggiornamenti, da parte delle Asp e dei Comuni, sui giorni, gli orari e i siti individuati per le operazioni di prelievo.

LEGGI ANCHE  Covid19, rinviati migliaia di matrimoni, quando conviene rinviare

Sullo stesso argomento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *