Scoppia focolaio a San Giuseppe Jato, 24 positivi e 53 in quarantena: paese blindato

Un altro focolaio di Coronavirus in provincia di Palermo e oggi tocca a San Giuseppe Jato fare i conti con nuovi contagi che tornano a salire. Sono 18 i nuovi casi Covid confermati a San Giuseppe Jato dove ci sono anche 53 persone in quarantena obbligatoria. Lo ha appena comunicato l’amministrazione comunale jatina.

“Dopo 48 ore molto complesse, siamo in grado di darvi notizie certe sulla diffusione del virus nella nostra Comunità”, annuncia così il sindaco Rosario Agostaro i nuovi casi di Coronavirus.

“Iera sera alle 22, dopo una giornata di contatti e continui aggiornamenti, è stato attivato il C.O.C. (Centro Operativo Comunale), alla presenza di tutte le Autorità Locali, dell’Asp e delle Forze dell’Ordine, per valutare e coordinare le attività da porre in essere, visto il crescere del numero dei potenziali positivi”.

Ore febbrili a San Giuseppe Jato. “Da questa mattina, nell’Aula Consiliare del Comune, è attivo un gruppo di lavoro tra l’Asp e l’Amministrazione, al fine di poter procedere ad una mappatura della catena dei contatti tra i soggetti positivi e coloro che vi sono entrati in contatto”.

È stato comunicato quindi che a San Giuseppe Jato ci sono 18 nuovi positivi, che sommati ai 6 già presenti, portano a 24 il numero degli attualmente positivi al Covid-19.

“53 nostri concittadini invece, che sono venuti a contatto con soggetti positivi, sono stati posti in isolamento domiciliare obbligatorio, in attesa di essere sottoposti al tampone”.

Sono pertanto in programma nuovi tamponi per i giorni a seguire ed è attivo il tracciamento delle persone che sono venute a contatto con soggetti che hanno contratto il Coronavirus.
“Ribadiamo l’importanza di rivolgersi al proprio medico curante – continua l’amministrazione – se si è venuti in contatto con un soggetto positivo o se si hanno sintomi riconducibili al Covid.
La collaborazione in questa fase è fondamentale”.

L’aumento dei contagi ha costretto, all’emissione di una nuova ordinanza che prevede delle misure di contrasto alla diffusion del Covid-19. In particolare, da oggi è stata disposta la chiusura alle ore 22 di bar, pub, pizzeria, sale giochi, sale scommesse e locali assimilate (le pizzerie e gli esercizi di vendita di cibi cotti potranno effettuare il servizio a domicilio).

Sospeso il mercato settimanale cittadino. Chiusi Parco Giochi, Pista di Pattinaggio, Impianti Sportivi, Scuole di Ballo, Circoli, Associazioni ricreative e musicali. Interdette tutte le manifestazioni pubbliche che comportano aggregazione sociali (attività culturali, convegnistiche ed artistiche di ogni genere)
A partire dal 21 Settembre è disposta la chiusura di tutti I Plessi scolastici ricadenti nel nostro paese (l’istruzione sarà garantita tramite la DAD).