Covid-19, a Palermo esplosione di contagi e posti letto esauriti

Intanto la Regione pensa di riattivare i posti Covid che erano stati utilizzati durante la prima fase del Lockdown

Sono sempre più pieni gli ospedali di Palermo a causa dei ricoveri per Covid-19 in crescita continua. Ieri almeno 84 infezioni su un totale di 112 sono state registrate in provincia di Palermo.

A Villa Sofia un”infermiera è risultata positiva al Coronavirus come tre pazienti ricoverate nel reparto di Neurochirurgia che sono state trasferite in quello di Malattie Infettive del Cervello. Sarebbero state contagiate da una signora di 72 anni risultata positiva solo dopo la sua morte avvenuta sabato scorso. Ai primi due tamponi invece le tre pazienti erano negative, solo al terzo eseguito per precauzione è venuto fuori che era in corso l’infezione.

All’ospedale Ingrassia, invece, una signora positiva al Coronavirus dopo il tampone pre-ricovero sarebbe rimasta senza posto nell’area grigia del terzo piano da domenica notte fino a ieri pomeriggio quando è stata portata dal 118 in un posto letto Covid. Lo hanno denunciato ieri i sindacati della Cimo. “Non potendo rientrare a casa, l’hanno messa in lista perché non erano disponibili posti nei reparti destinati a chi contratto il virus. A questo si aggiunga che all’Ingrassia funziona solo un ascensore monta lettighe perché l’altro è guasto da mesi: non esistono percorsi differenziati con un solo ascensore per malati e visitatori. Ci raccontano che le postazioni Covid non mancano e poi registriamo questi episodi, ci chiediamo allora dove sono i posti del Civico che erano previsti nella cosiddetta Fase 1?”.

Intanto preoccupa il fatto che la stessa anziana, il cui tampone ha dato esito positivo all’Ingrassia, dieci giorni fa era stata ricoverata alla clinica Triolo Zancla dove una donna di 24 anni di Bagheria, che ha partorito ieri mattina, è stata trovata positiva e ricoverata all’ospedale Cervello. Ma “Nessuna paziente è venuta a contatto con la puerpera”, dicono dalla Clinica, che assicura di avere un protocollo che garantisce che non ci possa essere contagio tra quanti entrano in clinica e quanti sono ricoverati.

Un caso di Covid è stato registrato anche a Punta Raisi dove è risultata positiva una addetta al check in che è stata presa in carico dal personale dall’Asp.

In provincia, salgono a tre i casi positivi al Covid 19 accertati a Monreale. Dopo la donna incinta, Altri due sono stati confermati a Pioppo dal sindaco Alberto Arcidiacono. Due nuovi positivi sono stati confermati anche a Villabate dal sindaco Vincenzo Oliveri. Alla Rap salgono a 34 i dipendenti colpiti dal virus.