Troppi contagi e l’Ospedale Cervello è al collasso

I pazienti positivi ora saranno portati all'ospedale Civico, ancora casi in provincia di Palermo

Sono esauriti i posti letto in Terapia intensiva all’ospedale Cervello di Palermo. L’ospedale Covid è al collasso e sono sempre più numerosi i casi in provincia.

Aumentano anche i ricoveri più gravi. Al Cervello sono 8 i pazienti in Terapia intensiva. Ieri l’assessore Razza ha fatto scattare il piano d’emergenza.
I prossimi pazienti saranno dirottati al Civico e, se pure questo dovesse saturarsi, è già in pre-allarme l’Ismett, l’Istituto Trapianti, con altre undici postazioni già approntate.

Il livello di attenzione è alto al Cervello dove sono raddoppiati in due giorni i ricoveri in Terapia intensiva.
Tra i pazienti c’è una donna di Bagheria di 89 anni ma ci sono anche pazienti più giovani. Sono 40 le persone trattate in una settimana al Pronto Soccorso e trentadue positivi ricoverati con la polmonite fra Malattie Infettive e Pneumologia all’ospedale Cervello; altri diciotto positivi con i sintomi del Coronavirus al reparto infettivologico del Civico. Sono i numeri che riporta il Giornale di Sicilia.

È preoccupa la situazione palermitana.
Ieri è stato confermato un dipendente positivo all’Amat, la società che gestisce il trasporto urbano, dopo l’addetto alla segnaletica contagiato sabato scorso. Il nuovo caso riguarda un autista che era in ferie, dopo essere rientrato si era assentato di nuovo ed ora è in ospedale in discrete condizioni.

Un altro caso sospetto all’Istituto autonomo case popolari di Palermo: un’impiegata ha comunicato all’ente di essere stata in contatto con la madre e la sorella, entrambe positive e in attesa dell’esito del tampone si è messa in isolamento.

Alla Rap, l’azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti, i positivi sono diciotto ma è in corso la revisione di alcuni tamponi da parte dell’ospedale Buccheri La Ferla, per cui il numero potrebbe crescere nei prossimi giorni. Oggi intanto riaprono gli uffici del Polo Tecnico del Comune, chiusi per la sospetta positività di un funzionario.

Altri casi di Coronavirus si registrano in provincia di Palermo, come a Cinisi, Terrasini, Ficarazzi.