Numeri in ripresa all’aeroporto di Palermo, boccata di ossigeno per il turismo

Dai dati elaborati dal servizio statistiche di Gesap, luglio si è chiuso con un totale di 321.565 viaggiatori

Aumentano i passeggeri all’aeroporto di Palermo Falcone Borsellino. Il mese di luglio registra una crescita esponenziale dei passeggeri in transito grazia alla riapertura dello scalo e al riavvio di quasi tutte le rotte pre Covid. I dati però non sono, proprio per il blocco imposto dallo stato di emergenza, in linea con quelli dello scorso anno quando a Palermo si registrò un vero e proprio record di presenze.

Dai dati elaborati dal servizio statistiche di Gesap, luglio si è chiuso con un totale di 321.565 viaggiatori contro i 775.265 (era stato il record del 2019) dello scorso anno. In larga parte, si tratta di traffico domestico (239.605 passeggeri), in calo del 51,45% su luglio 2019. I passeggeri dei voli internazionali sono stati infatti 81.960, con una flessione del 70,9% rispetto agli oltre oltre 281 mila di luglio 2019.

A cavallo tra luglio e agosto 2020, è stata registrata una crescita del numero dei viaggiatori, con una media di 16 mila passeggeri al giorno e un indice medio di riempimento di quasi 120 passeggeri a volo. Numeri che fanno ben sperare per le statistiche di agosto, dove è previsto un flusso di oltre 450 mila passeggeri. Piccola ripresa del numero dei voli, che a luglio sono stati 2.854, il 48,1% in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
Dopo mesi di quasi inattività a causa del Covid, e la successiva e lenta ripresa dei voli a partire da metà giugno, il progressivo annuale, da gennaio a luglio, segna un calo del 67% del traffico passeggeri (1.303.086 contro 3.958459 del 2019) e -59,8% sui movimenti (11.749 contro 29.270 del 2019).