Monreale, opere d’arte di Nicolò Giuliano alle porte della città Unesco

Come dire “Benvenuti a Monreale”. Il maestro Nicoló Giuliano dona una sua opera artistica della collezione “Re e Regine” e due targhe in pietra lavica maiolicata al Comune di Monreale. Le opera saranno installate all’ingresso storico della strada monumentale Roccca-Monreale.

In particolare, il maestro ceramista Nicolò Giuliano ha donato le sue opere che saranno installate nella rotatoia tra la via Palermo e la via Benedetto D’Acquisto all’ingresso della città di Monreale.

Si tratta di pezzi unici che andranno a valorizzare il patrimonio artistico della Città di Monreale, che dallo scorso anno ha ottenuto da parte del Ministero per le Attività Produttive il riconoscimento per entrare a far parte dell’Associazione Italiana Città delle Ceramiche.

LEGGI ANCHE  La lunga scia di morti Covid: lutti a Monreale, San Cipirello, Montelepre e Terrasini

L’opera della collezione “Re e Regine” verrà collocata in condizioni di sicurezza ambientale e verrà custodita e monitorata in una teca di vetro.
Le opere, saranno ulteriore valore al patrimonio artistico della Città di Monreale. “Siamo grati al maestro Nicolò Giuliano – ha dichiarato il sindaco Alberto Arcidiacono di avere messo a disposizione la sua opera per abbellire uno degli ingressi storici della nostra città mettendo in risalto le nostre tradizioni artistiche e artigianali”. Tutto l’iter amministrativo sarà seguito dall’APST Sezione Cultura-Turismo-Sport-Spettacolo che si occuperà anche dell’inventario dell’opera.
Intanto, l’assessore alle attività produttive Pupella, che sta seguendo tutta la fase progettuale e artistica per la installazione dell’opera e delle due targhe che indicheranno una Città della Ceramica e una città del Mosaico , ha reso noto che questa iniziativa si inserisce sempre nella programmazione di valorizzazione che segue il riconoscimento di Monreale Città della Ceramica all’interno dell’Associazione nazionale che il prossimo 4 Settembre ha organizzato, l’assemblea generale che si terrà nella città di Faenza dove hanno sede gli uffici amministrativi .

LEGGI ANCHE  Il Covid uccide l'infermiere Totò, pioniere dell'assistenza ai malati terminali

“Come ho avuto modo di dire in diverse occasioni pubbliche – ha detto il maestro Giuliano – ho dedicato la mia vita all’arte ed alla diffusione della cultura della bellezza convinto che dalla promozione di questi valori, si possa sviluppare una vera comunità civile armoniosa e feconda. A Monreale, poi, nella quiete della mia fabbrica e nel silenzio del mio laboratorio, mi sono dedicato alla promozione della cultura della ceramica artistica ed alla formazione di nuove generazioni di ceramisti, battendomi strenuamente per l’autorevole riconoscimento ministeriale di Monreale Città della Ceramica”.